Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 3 > Cultura > Festival dei diritti nel quartiere 3 - Lo strappo
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Lo Strappo è un progetto fotografico che racconta le fasi ed i processi interiori ed esteriori dell'impatto che la violenza ha su una persona. In questo caso si tratta di una bambina di nove anni che si trova, a causa di una situazione familiare degradata e non tutelante, in un contesto di violenza che la porta in una cantina, con un uomo. A questo punto comincia il vero e proprio ritratto fotografico di ciò che avviene. Le foto sono una rappresentazione metaforica dell’evento che racconta la vera e propria testimonianza storica di un fatto realmente accaduto, del quale la protagonista degli scatti è essa stessa la superstite, rendendo la mostra terribilmente reale e autentica. L'obiettivo è quello di sensibilizzare ed avvicinare lo spettatore al vissuto emotivo, senza focalizzarsi sull'aspetto di denuncia o retorica. Piuttosto si cercano una connessione empatica che permetta un legame su un piano profondo e l’immersione dello spettatore nella scena stessa, come vittima o come carnefice. Le immagini crude, sgraziate, quasi documentaristiche, hanno come fine ultimo il racconto senza fronzoli di una violenza. Alle foto saranno affiancate alcune frasi evocative estratte dalla poesia Lo Strappo, che aiuteranno nell'elaborazione del processo 

“Mi scivola l’anima dalle ginocchia

e mi abbandona anch’essa 

relegata tra ricordi di vetro. 

[...] e mi consolo

perché nessuno possa sentire

il rumore dello strappo.

mi scivola il cuore dal petto

perché possa afferrarlo ancora, 

ma non qui 

non dentro questa cantina.” 

Lo Strappo e’ un’evento  interattivo che vuole proporre un’esperienza visiva, uditiva e tattile per stimolare un coinvolgimento profondo e attivo da parte dello spettatore. L’installazione e’ strutturata come un percorso ad anello che vede le 16 foto esposte singolarmente in spazi attigui l’uno all’altro, ma separati tramite pannelli neri. Accanto o sotto ad ogni foto dei versi della poesia sopracitata, Lo Strappo.