Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere4 > Lavori del Consiglio > Verde pubblico e ambiente
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

La pandemia ha rafforzato la consapevolezza dell’importanza del verde pubblico, sempre di più patrimonio insostituibile per la vita delle persone di ogni età, per le famiglie, per la socialità. Tutto ci mostra un incremento di utilizzo di parchi e giardini da parte dei cittadini. Non dimenticheremo l'importanza dei giardini di prossimità, di quanto il verde intorno a casa ci ha aiutato in questo difficile momento storico. E' diventato il luogo in cui ricominciare ad avere una socialità, in cui fare attività fisica, a questo proposito sappiamo quanto il benessere fisico migliori il benessere mentale delle persone.

Per questo, è necessario investire sulle risorse umane per realizzare a pieno le risorse finanziarie e le relative attività, anche se in gran parte esternalizzate, di manutenzione ordinaria e straordinaria, attraverso il necessario lavoro di programmazione, controllo e gestione:
  • incrementare le risorse nel Bilancio 2022-2024 degli stanziamenti per la manutenzione ordinaria del verde pubblico orizzontale e verticale, visto che sono numerosi i nuovi alberi previsti, anche grazie al progetto “Dona un albero” (occorre, tra l'altro, uno specifico programma per realizzare nuovi pozzi in ogni parco o giardino in cui sia utile e possibile)
  • per incrementare la capacità di socialità e di presidio sociale e per una migliore vivibilità di parchi e giardini pubblici sviluppare, sulla base degli indirizzi dei Quartieri, un programma di inserimento di nuovi chioschi fissi e/o di strutture mobili (es. “carretto del gelato”) che possano svolgere un servizio di ristoro ma anche alle famiglie con possibili attività ludiche, ricreative e culturali, oltre al necessario rinnovamento gestionale dei punti di ristoro già esistenti (Parco di Villa Vogel)
  • il Consiglio apprezza la volontà di proseguire l'installazione diffusa di fontanelli di acqua pubblica, meglio se all'interno di parchi e giardini e chiede che si aumenti il numero di cestini adibiti alla raccolta differenziata nelle aree verdi pubbliche (a partire dal Parco di Villa Vogel e da quello di Villa Strozzi, come da mozione approvata dal Consiglio di Quartiere)
  • avendo il Q4 un patrimonio verde fra i più vasti del Comune di Firenze, incrementare le falciature nel corso dell’anno, il decoro del verde stradale e dei marciapiedi
  • maggiore inserimento di “educatori di strada” nei parchi e giardini del Q4
  • sensibilizzare i giovani al rispetto comune insieme alle associazioni già operanti come gli “Angeli del Bello”
  • intensificare la presenza del vigile di quartiere nei giardini e nelle piazze nelle ore di maggior frequentazione, compresi i prefestivi e festivi e le ore serali e notturne
  • implementare illuminazione pubblica e videocamere di sorveglianza di parchi e giardini, anche con fototrappole contro gli abbandoni dei rifiuti

 

Il Consiglio di Quartiere concorda sull'aumento delle aree attrezzate per bambini nei giardini pubblici e nelle scuole e la dotazione di arredi per una migliore fruibilità delle stesse e progettare spazi giochi senza barriere per bambini diversamente abili.
In merito alla riqualificazione e all’implementazione degli orti urbani esistenti, visto il costante apprezzamento degli orti sociali, il Consiglio chiede di prevedere nel bilancio le risorse per la manutenzione e straordinaria (ad esempio. realizzazione di un nuovo pozzo per le “Isole vecchie” all'Argingrosso).
Il Consiglio chiede anche un capitolo di spese per le iniziative di sensibilizzazione dei cittadini sui temi ambientali dedicato ai singoli quartieri.
Per la realizzazione del “Parco Florentia”, obiettivo importante ma perseguibile solo nel lungo periodo, il Consiglio chiede di inserire come obiettivi operativi a breve-medio termine:
  • riqualificazione, valorizzazione ed eventuale estensione del Parco dell'Argingrosso, con un progetto che recuperi il valore naturalistico degli ambienti e la loro fruibilità a partire dal laghetto, preveda nuovi orti sociali, una “food forest”, predisposizioni e allacciamenti per uno spazio culturale estivo, potenziamento di illuminazione e area ludica e una struttura leggera per attività sportive a libera fruizione come la mountain bike
  • la completa bonifica dell'area del Poderaccio, presupposto per riqualificare e realizzare il futuro parco ambientale, con le relative risorse
 
Inoltre, occorre progettare e realizzare rapidamente i pannelli fonoassorbenti sul viadotto dell’Indiano all’altezza di viuzzo dei Sarti. Positivo l'obiettivo che prevede l’apertura al pubblico del Parco di Santa Maria a Mantignano al confine con la foce della Greve e con il parco dell'acquedotto, una zona verde con forti valenze naturalistiche. Nelle aree verdi di Pontignale, il Consiglio torna a chiedere un'area cani e un campino multisport a libera fruizione.
Chiede anche risorse per riqualificare e ampliare l’area cani di via Tribolo, unendo l’attuale area cani all’attiguo ex campetto di calcio “Le Muse”, e la riqualificazione del giardino attiguo con sistemazione dell’area ludica, manutenzione di arredi e giochi, tavolo da ping pong e ripristino delle reti per il calcetto nel giardino di via Dosio.
Il Consiglio chiede poi di portare a termine rapidamente la progettazione per realizzare l'investimento per il “porto Granducale”, oltre alla ricostituzione dell'”oratorio di San Carlo” in corso di realizzazione al quale si potrà abbinare un fontanello di alta qualità. Per la sistemazione del giardino di via Siena, accelerare acquisizione dell’area, progettazione e realizzazione del giardino stesso, con un piccolo percorso di partecipazione anche con la scuola circostante; prevedere poi un intervento straordinario realizzare la nuova area di verde pubblico in via dell'Olivuzzo.
Il Consiglio chiede risorse più importanti contro la zanzara tigre, con disinfestazioni più frequenti ed efficaci da parte di Alia.
Bene la riqualificazione di aiuole e rotatorie con sponsorizzazioni. Il Consiglio chiede una maggiore cura dell'erba nelle aiuole limitrofe alla rotonda dell'Ospedale di Torregalli, al momento incolte. Sul Porta a Porta, raccomanda la massima attenzione al ritiro dei rifiuti, evitando i disservizi e le criticità di questi mesi di avvio.
Il Consiglio apprezza l'azione di tutela dell'agricoltura urbana, invitando l'amministrazione a riflettere, al riguardo, sul progetto di Autostrade sul secondo casello autostradale di Scandicci, che, se realizzato, comporterebbe la cementificazione di un'area verde, da sempre deputata ad agricoltura urbana. Tra l'altro, tale area ha già subito un’importante  riduzione del verde con la costruzione dell’ex “Eco Firenze”, oggi una delle sedi di Alia. Pertanto si invita l’Amministrazione a trovare in accordo con Autostrade soluzioni meno impattanti.