Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere4 > Lavori del Consiglio > Ruolo dei Quartieri
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Il Consiglio di Quartiere sollecita una maggiore incisività del ruolo del decentramento attraverso le seguenti azioni: 1) attuare in pieno la recente Delibera di Giunta 340/2021 “Disposizioni organizzative e procedurali volte a rafforzare il ruolo del decentramento” che definisce un ruolo potenziato dei Collegi di Presidenza nello sviluppo degli obiettivi della programmazione operativa dell’Ente; 2) rafforzare la capacità di programmare, gestire e coordinare progetti e servizi trasversali che riguardano competenze a cavallo tra diverse Direzioni dell'amministrazione comunale, sia a livello tecnico-amministrativo sia a livello politico-amministrativo affidando anche ai Quartieri la capacità di convocare e stimolare lo sviluppo di tali processi/progetti; 2) prevedere un incremento (o recuperando nel caso in cui siano state già azzerate) delle risorse finanziarie e soprattutto umane dedicate agli uffici decentrati delle Direzioni che svolgono servizi che necessitano di prossimità e di un rapporto costante con le comunità locali e devono quindi essere presidiati e potenziati: verde pubblico, servizi educativi, cultura e politiche giovanili, sport, sociale allargato, servizi bibliotecari.

Sulla valorizzazione degli Sportelli al cittadino/URP al fine di realizzare la "democrazia di prossimità”, anche alla luce della fondamentale e positiva esperienza di gestione di servizi immediati alle persone in tempo di lockdown presso le sedi dei Quartieri, il Consiglio chiede che si vada verso un incremento quantitativo e qualitativo di risorse umane di front-office (Sportello del Cittadino da sviluppare in raccordo con le diverse Direzioni dell’Ente), tenendo conto che, nel caso degli uffici anagrafici, si rischia altrimenti di andare verso ulteriori restrizioni, a causa dei pensionamenti non sostituiti.