Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > IN BREVE > AREE CANI
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 

Il Comune di Firenze si dota di regole ad hoc per le aree cani, attraverso una modifica al Regolamento per la Tutela degli animali che prevede proprio l’inserimento di nuove disposizioni per questi spazi.

Le molte sollecitazioni ricevute dai Quartieri di Firenze, sun un tema così emergente, sono state raccolte dall'Amministrazione e, nel mese di luglio, sono stati infatti approvati dal Consiglio Comunale 4 nuovi articoli che includono sia prescrizioni sulle caratteristiche delle aree cani e sulla loro manutenzione da parte dell’amministrazione, sia regole da rispettare per chi le frequenta: si va inoltre a rafforzare la possibilità di stipulare convenzioni e accordi per la loro gestione e manutenzione con associazioni, e infine sono contenute indicazioni sull’attività di vigilanza e le sanzioni.

Con lo spirito di promuovere una cultura del rispetto e e promuovere la collaborazione con la cittadinanza, ecco in sintesi i contenuti della modifica al Regolamento per la Tutela degli Animali:

  • si parte con una serie di prescrizioni da rispettare da parte del Comune rispetto a arredi urbani e manutenzione delle aree cani, un cartello con la dicitura "Area per cani" e riportante gli estremi delle vigenti norme in materia e del presente regolamento;
  • per le aree di nuova realizzazione si prevede un’ampiezza minima di circa 2mila metri quadri salvo casi di documentata impossibilità con una recinzione di altezza non inferiore a 1,70 metri o 1,50 se affiancate da siepe interna;
  • si passa poi agli obblighi da rispettare per i proprietari dei cani, che devono sempre accedere all’interno delle aree con il proprio animale sotto costante controllo, comunque muniti di guinzaglio e idonea museruola;
  • a seguire la parte relativa ai divieti, come per esempio quello di lasciare a terra rifiuti o di disturbare la quiete pubblica,  il divieto di accesso a cani non identificati mediante microchip all’anagrafe canina, che non abbiano seguito le vaccinazioni prescritte dalla vigente normativa o cani femmina durante il periodo di calore.