Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > NOTIZIE DI PUBBLICA UTILITA' > Riapertura graduale delle aree verdi
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Presentiamo una sintesi delle modalità di accesso e delle regole di comportamento da seguire.
L’andamento delle aperture dipenderà dal rispetto, da parte dei cittadini, delle disposizioni emanate dall’Amministrazione Comunale.

A partire dall’11 maggio nel Quartiere 5 sono state  riaperte al pubblico le seguenti aree verdi munite di delimitazione fisica ed aree per cani:

     •    Area cani Via Toscanini
     •    Area cani Via Pisacane (a partire dal 13 maggio)
     •    Area cani Don Forconi (a partire dal 13 maggio )
     •    Area cani Via del Pesciolino

 All’interno delle aree cani di cui sopra, sono riattivati, a partire dalla rispettiva data di riapertura, i fontanelli per l’erogazione di acqua potabile.

Le aree munite di delimitazione fisica sono aperte con orario 9.30-20.00. Sono possibili aperture ritardate o chiusure anticipate disposte dai competenti uffici comunali per motivi di sicurezza.

Da giovedì 21 maggio nel Quartiere 5 sono state riaperte le seguenti aree verdi:

     •    Il giardino del Lippi

e le seguenti aree cani:

    •    aree cani del giardino del Lippi e di San Piero a Quaracchi

Da lunedì 1 e mercoledì 3 giugno nel Quartiere 5 sono state riaperte le seguenti aree verdi e aree cani


    •    Parco Villa Ruspoli (dal 1.6.2020)

    •    Parco Stibbert (dal 1.6.2020)


    •    Giardino Piazza Danti ( dal 3.6.2020)

    •    Giardino Medaglie d’Oro (dal 3.6.2020)

    •    Area cani Taddeo Alderotti (dal 3.6.2020)


L’accesso è vietato:

•    alle persone sottoposte a quarantena o risultate positive al virus, le quali non devono muoversi dalla propria abitazione;
•    alle persone con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre (maggiore di 37,5° C), le quali devono rimanere presso il proprio domicilio, limitare al massimo i contatti sociali e contattare il proprio medico curante.

L’accesso è fortemente sconsigliato alle persone anziane o affette da patologie croniche o con multimorbilità ovvero con stati di immunodepressione congenita o acquisita, alle quali si raccomanda di evitare di uscire dalla propria abitazione o dimora, se non nei casi di stretta necessità
Per la fruizione di tutte le aree sarà in ogni caso necessario rispettare le seguenti regole di comportamento:

a) è vietata ogni forma di assembramento;

b) è comunque necessario rispettare la distanza di sicurezza interpersonale di un metro (o quella di due metri, nel caso di svolgimento di attività sportive); qualora si verifichino ripetuti assembramenti, o comunque non risulti possibile assicurare stabilmente il rispetto della distanza minima interpersonale, sarà necessario disporre nuovamente con ordinanza la chiusura degli spazi al pubblico;

c) è obbligatorio indossare le mascherine, negli spazi chiusi sempre, e negli spazi aperti in tutte le circostanze in cui non è possibile rispettare la distanza interpersonale (così come prescrive l’ordinanza regionale n. 26/2020); pertanto, quando si esce di casa, occorre indossare la mascherina o quanto meno portarla con sé per poterla indossare quando necessario; non sono soggetti all’obbligo i bambini al di sotto dei sei anni, nonché i soggetti con forme di disabilità non compatibili con l’uso continuativo della mascherina ovvero i soggetti che interagiscono con i predetti;

d) si ricorda inoltre di osservare, anche quando si accede agli spazi aperti e vi si svolgono le attività consentite, le altre pertinenti misure generali di prevenzione igienico-sanitaria vigenti, vale a dire:
- lavarsi spesso e con cura le mani, anche utilizzando soluzioni idroalcoliche per il lavaggio delle mani;
- praticare l’igiene respiratoria (starnutire e/o tossire in un fazzoletto evitando il contatto delle mani con le secrezioni respiratorie);
- evitare l’uso promiscuo di bottiglie e bicchieri, in particolare durante l’attività sportiva;
- non toccarsi occhi, naso e bocca con le mani; coprirsi bocca e naso se si starnutisce o tossisce;
- pulire le superfici con disinfettanti a base di cloro o alcool.


L’accesso a parchi, ville e giardini ed altre aree verdi è consentito per passeggiare, sostare brevemente all’aria aperta, nonché per svolgere attività sportiva - individualmente, ovvero insieme all’accompagnatore nel caso dei minori e delle altre persone non completamente autosufficienti accompagnati da adulti - purché comunque nel rispetto della distanza di sicurezza interpersonale.

L’accesso non è consentito per organizzare eventi o attività ludiche o ricreative (manifestazioni, partite, giochi di gruppo), in quanto comportano assembramenti e determinano un alto rischio di contagio.
All’interno delle aree verdi riaperte al pubblico, per esigenze di sicurezza sanitaria:

- le passeggiate e l’utilizzo della bicicletta da parte di genitori con figli minori, ovvero di accompagnatori con altre persone non autosufficienti, o comunque di persone residenti nella medesima abitazione, non richiedono che detti soggetti mantengano tra di loro la distanza interpersonale (così come disposto dall’ordinanza regionale n. 46/2020);

- è fortemente raccomandato di indossare i guanti protettivi, in particolare quando si entra in contatto con panchine ed altri arredi;

- resta interdetto, in applicazione del d.p.c.m. 26 aprile 2020, l’accesso alle aree attrezzate per il gioco dei bambini e per lo sport, e agli impianti sportivi a libera fruizione (campi da basket, da calcetto, piste di pattinaggio, skate park, etc.);

- in ogni caso, resta consentito nelle aree verdi l’accesso con i cani condotti al guinzaglio, secondo quanto disposto dall’art. 22 del regolamento comunale sulla tutela degli animali, e nel rispetto delle ordinarie regole di comportamento volte a garantire la sicurezza delle persone e la corretta raccolta degli escrementi.

Le attività di pulizia e sanificazione degli arredi installati nelle aree verdi riaperte al pubblico sono effettuate nell’ambito del programma in atto di pulizia e sanificazione degli arredi della Città