Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere1 > Notizie dal territorio > Quattro nuove porte telematiche in piazza Indipendenza
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 Quattro nuove porte telematiche in arrivo in piazza Indipendenza. È quanto prevede la delibera proposta dall’Assessore alla mobilità e approvata qualche giorno fa dalla giunta comunale. Si tratta di tre apparecchi a tutela della ztl e di uno che invece vigilerà sui transiti nella corsia preferenziale viale Strozzi-via Ridolfi. Il tutto per una spesa di 200mila euro.
Come avevamo concordato con il comitato dei cittadini di piazza Indipendenza stiamo lavorando per realizzare quelle opere necessarie per garantire il rispetto della ztl nella zona di piazza Indipendenza – sottolinea l’Assessore –. Adesso con l’approvazione del progetto esecutivo e del relativo stanziamento, a breve potremo procedere con l’installazione”.
In dettaglio gli interventi riguardano l’implementazione del sistema di vigilanza ztl nella zona di piazza Indipendenza, area già compresa nella zona a traffico limitato ma non completamente protetta mediante sistemi di controllo da via Santa Caterina d’Alessandria e via Dolfi. Il sistema, nella configurazione finale, sarà costituito da tre porte telematiche per la ztl (via Cosimo Ridolfi incrocio con piazza Indipendenza, via Dolfi incrocio viale Strozzi, via Guelfa incrocio piazza del Crocifisso) e una sulla corsia preferenziale (in via Ridolfi incrocio viale Strozzi sulla corsia in direzione di piazza Indipendenza). Nell’ambito dei lavori di messa in opera del dispositivo di via Guelfa sono previsti anche due allargamenti del marciapiede. Con l’approvazione dei progetti esecutivi può prendere il via la procedura per la pubblicazione del bando ai appalto per l’aggiudicazione dei lavori.
I nuovi apparecchi si aggiungeranno a quelli già in funzione in città con l’interfaccia con Sas per il passaggio degli autorizzati e con Polizia Municipale per il rilievo delle violazioni.