Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > SE CI PASSI FERMATI > SULLE TRACCE DI PINOCCHIO - PERETOLA E OSMANNORO
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 

 

 

 

Foto di Eugenio Taccini, maestro pittore ceramista

 

Le tappe di questo secondo itinerario sono 4: la prima è – niente di meno – il mare, dove Pinocchio finisce nel ventre della balena. L’argine dell’Arno in quest’area, infatti, fino all’alluvione del 1966 era caratterizzato da un greto che in estate gli abitanti utilizzavano come spiaggia.

 

Foto tratta da Wikipedia

La seconda tappa è il teatrino di Mangiafuoco, nella piazza che oggi è intitolata a Garibaldi, ma che fino al 1895 si chiamava piazza di Peretola: qui, fino al 1940 circa, si fermavano burattinai, saltimbanchi e mangiatori di fuoco. Collodi ci dice che Pinocchio vi arriva attraverso la “strada traversa”, identificabile con via del Termine, all’epoca non interrotta dall’aeroporto Vespucci; la strada univa Castello, dove abita Geppetto, con il “piccolo paesetto fabbricato su una spiaggia del mare”, cioè Peretola. Non lontano dal teatro di Mangiafuoco Pinocchio incontra il Gatto che si finge cieco e la Volpe che si finge zoppa. Sembra che Collodi abbia tratto ispirazione per questi personaggi dai ladri e briganti che derubavano i viandanti ai margini dei borghi abitati, approfittando del buio. La targa indicativa di questa terza tappa è posta nella piazzetta che fu la Corte degli Spini, in via di Motrone.

 

Illustrazione di Attilio Mussimo tratta da Pinterest

Per l’ultima tappa ci spostiamo nel comune di Sesto Fiorentino, a Santa Croce sull’Osmannoro, in quella che ne Le avventure di Pinocchio è detta l’isola delle Api industriose. Il complesso edilizio cinto da mura che nell’Ottocento era un’azienda agricola molto operosa, appariva come un’isola quando, in inverno, i terreni circostanti si allagavano.
La guida al percorso segnaletico Sulle tracce di Pinocchio, realizzato nel 2008 dal Quartiere 5 , insieme all’assessorato alla Cultura di Palazzo Vecchio e al Comune di Sesto Fiorentino, è ancora disponibile in alcune copie cartacee nella sede di Villa Pallini (via Baracca 150/p) fruibile nel sito del Quartiere http://q5@comune.fi.it al seguente link

Sulle tracce di Pinocchio