Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > CULTURA > OPERE D'ARTE AL PALAZZO DI GIUSTIZIA
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 

 

Sono state inaugurate le cinque opere vincitrici del concorso internazionale di arte contemporanea nato per abbellire il Palazzo di Giustizia a Novoli. Al concorso, indetto nell’agosto 2015, erano pervenute 228 domande, anche dall’estero. Il bando è stato indetto ai sensi della legge 717 del 1949 che impone alle amministrazioni pubbliche che costruiscono nuovi edifici pubblici di destinare una quota della spesa totale per realizzare opere di abbellimento degli edifici stessi. Firenze è tra i pochi Comuni che attua la legge del '49, investendo anche sulla professionalità artistica e il talento delle nuove generazioni. I vincitori, decretati all’inizio dell’anno, sono il giapponese Shigeru Saito con "Prima del tramonto"; Antonio Violetta con "Giustizia"; Sislej Xhafa, artista proveniente dal Kosovo, con "J"; Virginia Zanetti con "Il cielo stellato sopra di me, la legge morale in me", e Mauro Pace insieme a Saverio Villirillo e Gregorio De Luca Comandini con "Metabole".
La commissione giudicatrice, formata dagli artisti Daniela Di Lorenzo e Massimo Barzagli, da Clementina Ricci, nipote del defunto progettista del tribunale Leonardo Ricci, da Claudio Paolini delegato della Soprintendenza ai beni paesaggistici, e dalla Direttrice Comunale della Cultura Gabriella Farsi, ha ammesso alla valutazione 199 progetti (16 sono stati esclusi per mancanza dei requisiti necessari), di cui 13 hanno superato la prima fase e cinque hanno vinto. Due, Pace e Zanetti, sono under 35 e a loro sono destinati quasi 70 mila euro ciascuno. Agli altri, della categoria over 35, è destinata invece la somma massima di 136 mila euro ciascuno. Le opere, come prevede il bando, dovevano presentare “il tribunale inteso come luogo dell’ordine virtuoso dei rapporti umani in funzione del riconoscimento e del trattamento istituzionale di una persona, spazio dedicato al rispetto di un codice che regolamenta i comportamenti ammessi e non ammessi in una comunità umana”. Le opere dovevano inoltre “valorizzare e sottolineare l’importanza nella nostra società di valori quali la giustizia, il rispetto, la parità, l’imparzialità, i diritti e i doveri di ogni singolo essere umano”.