Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > MEMORIA E IDENTITA' > SMS RIFREDI, UN CIRCOLO CARICO DI STORIA
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 

Il 30 aprile 1883 nasceva la Società di Mutuo Soccorso (SMS) di Rifredi. La rete delle Società di Mutuo Soccorso nasce alla fine del XIX secolo in un’Italia che stava vivendo la prima industrializzazione; germina in una situazione sociale in cui le classi lavoratrici non sono ancora  sorrette da un sistema di tutele che possa fornire sostegno nei vari casi di difficoltà (incidenti sul lavoro, malattia, perdita del posto lavorativo). Questa tipologia di mutuo soccorso e assistenza tra lavoratori (ma non solo) nasce per sopperire a questa mancanza di supporto sociale. A Firenze una delle prime è quella di Rifredi; il quartiere era allora quasi in aperta campagna ma già vi si intravedeva lo sviluppo industriale che avrebbe visto sorgere aziende come le Officine Galileo, la Fonderia del Pignone, la Superpila. Da un punto di vista politico un forte input fu fornito, tra la fine del XIX e i primi anni del XX secolo dall’allora Partito Socialista Italiano che era in stretto rapporto con i tanti lavoratori delle fabbriche sempre più numerose. Il ventennio fascista segnò un momento difficile, per non dire oscuro, di queste importanti realtà, perché il regime non vedeva di buon occhio le associazioni che erano virtualmente ricettacoli antifascisti. Dopo la fine della seconda guerra mondiale, un rinnovato impulso consentì agli SMS di crescere nuovamente e di allargare le proprie iniziative rivolte ai soci; quello di Rifredi diventò così il cuore pulsante del quartiere, con i suoi spazi dedicati al ballo, al cinema e al teatro, coinvolgendo nella vita associativa e nei tanti eventi collaterali non solo tutti i soci ma anche gran parte degli abitanti del quartiere.