Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere4 > Primo piano > 'Tavoli per la legalita'' nelle sedi dei Quartieri
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook


 Il Piano per la sicurezza urbana e sociale si arricchisce di un nuovo tassello: i ‘Tavoli per la legalità’, un luogo dove le istituzioni incontrano gruppi di cittadini rappresentativi del territorio per scambiare informazioni, segnalazioni, suggerimenti ed elaborare politiche per la legalità, secondo quanto previsto dal ‘Patto per Firenze sicura’ sottoscritto da Comune e Prefettura il 12 febbraio 2018.
I ‘Tavoli per la legalità’ agiranno a livello di quartiere e collaboreranno con le altre amministrazioni, in particolare con Carabinieri e Polizia di Stato per quanto riguarda prevenzione e contrasto di fenomeni criminosi. Saranno convocati dal presidente del Quartiere di riferimento o dall’assessore alla Sicurezza urbana almeno ogni tre mesi o ogni volta che ne viene ravvisata la necessità. Alle riunioni, che si terranno nella sede del Quartiere di riferimento, parteciperanno il presidente del Quartiere, l’assessore alla Sicurezza urbana e gruppi di cittadini rappresentativi del quartiere; saranno sempre invitati i rappresentanti della Polizia municipale e potranno essere convocati quelli dei vari uffici comunali, in base alle questioni discusse, o delle aziende partecipate competenti rispetto all’ordine dei lavori. L’ordine del giorno sarà concordato con il sindaco o con l’assessore. Avranno vari compiti: monitorare e prevenire situazioni di conflitto sociale presenti sul territorio del Quartiere di riferimento; svolgere attività conoscitiva e di ascolto; proporre argomenti di campagne della polizia municipale sul territorio anche attuate con l’utilizzo di postazioni mobili; chiedere l’audizione dei responsabili degli uffici dell’amministrazione comunale o degli esercenti dei servizi pubblici in relazione alle problematiche discusse; produrre istanze ed elaborare progetti da sottoporre per la loro realizzazione agli uffici competenti dell’amministrazione comunale.