Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Biblioteche Comunali Fiorentine > Biblioteche Junior (0-14 anni) > I Nonni Leggendari di BibliotecaNova Isolotto
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook
 

 

 

Le avventure di Scheggia raccontate da Maria Pia

"Io mi chiamo Scheggia, sono un gattino tigrato, il mio padrone dice che ho circa due anni! Sono ancora giovane! Infatti mi piace correre, saltare, fare capriole e giocare, sono velocissimo e scompaio e riappaio in un batter d'occhio...per questo credo che mi abbiamo chiamato Scheggia!! Vivo in campagna insieme ai miei padroni e ai miei due amici cani Oban e Genni, e poi c'è Pippi, una gattina tutta nera, un po' vecchiotta e scontrosa perché era abituata a stare da sola con la sua padrona, quando mi vede si gonfia tutta e mi soffia contro ma io non mi lascio intimorire, mi allontano e penso che ci vorrà del tempo per fare amicizia. Come ho detto vivo in campagna e sono un gattino fortunato perché sto sempre all'aria aperta, mi arrampico sugli alberi e posso fare la vedetta e quando i miei padroni e gli amici cani vanno a passeggiare li seguo dall' alto e so sempre dove si dirigono e se dovessero perdersi nel bosco Io li ritrovo!! A volte sto fuori anche la notte, mi piace stare nascosto e sentire i rumori della campagna, il fruscio del vento e degli animali che escono all'imbrunire, i cinghiali che corrono all'impazzata, però devo stare attento a non farmi pestare, farebbero polpette del povero Scheggia! E poi nel buio ci sono tante lucine lassù che brillano, ho capito che si chiamano stelle e ho sentito dire che in città non si vedono bene perché ci sono tante luci dalle finestre e lampioni e fari delle auto, in estate ho visto anche delle lucine che si muovevano e mi danzavano intorno, ho cercato di afferrarle con le mie zampe ma loro fuggivano...che rabbia! Credo che si chiamino " lucciole". Se sto fuori casa per molto tempo il mio padrone viene a cercarmi con Oban e Genni, io gioco a nascondino ma quando mi trovano...ohi, ohi! Mi prendono per la collottola e mi riportano in casa. Dopo una bella strigliata però sono pronto a ricominciare. Mi piace anche dare la caccia ai topi e alle lucertole, una volta ho acchiappato un topolino e l'ho portato in regalo ai miei padroni lasciandolo ai loro piedi, non l'avessi mai fatto, sono inorriditi! L'ho ripreso e portato fuori, era un regalo ma loro non lo hanno capito. Mi piacciono i croccantini ma vado pazzo per i dolci, quando sento il profumo per la casa gironzolo per la cucina, sto a guardare il forno finché il dolce non è pronto e allora altro che caccia a topi, insetti e lucciole...La mia è la caccia al dolce! E se riesco ad agguantarne un pezzo devo essere svelto a nascondermi con la mia preda profumata altrimenti passo in guaio! Ah, ho dimenticato di dire che non solo mi piace passare le notti all'aperto ma amo anche la casa e starmene al calduccio a farmi coccolare e acciambellarmi vicino vicino ai miei amici, cani e gatto insieme, divento tutt' uno con loro, sono la mia famiglia."

Anche i "Nonni Leggendari" di BiblioteCaNova restano a casa come tutti i bambini e le maestre che hanno incontrato andando a leggere nelle diverse scuole della citta', ma nessuno puo' fermarli... Eccoli allora alle prese con la scrittura per mandare un messaggio di affettuosa vicinanza ai loro piccoli ascoltatori: ogni settimana storie brevi e filastrocche inventate, di alcuni grandi poeti per l'infanzia o ispirate ai ricordi per narrare questo difficile momento ed attenuare la paura con la fantasia e la creatività. Li puoi seguire anche sulla pagina Facebook di BiblioteCaNova Isolotto.