Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere1 > Notizie di pubblica utilita' > Arriva l'infermiere di famiglia e di comunita', riguardera' gli utenti del presidio Santa Rosa
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Parte anche a Firenze il 1° marzo il servizio dell’infermiere di famiglia e di comunità che inizialmente si rivolgerà alla popolazione del territorio di riferimento del presidio sanitario di Santa Rosa. Il Dipartimento Infermieristico ed Ostetrico della Azienda Usl Toscana centro svilupperà il servizio in tutto il comune di Firenze, quest’anno nei Quartieri 1 e 3 e a seguire nel 2021 negli altri Quartieri. Questa nuova modalità di organizzare l’assistenza infermieristica nel territorio di Firenze prevede che ad ogni infermiere sia affidato un gruppo di popolazione identificato geograficamente, sulla cui presenza può contare ciascun assistito.

L’ambito domiciliare è il contesto preferenziale in cui perseguire gli obiettivi di salute dei singoli e delle famiglie. Gli utenti possono essere o pazienti già in carico al servizio infermieristico per le cure domiciliari e per le cure palliative integrate o malati cronici in carico al Chronic Care Model ma anche pazienti non conosciuti.

Il servizio è condotto in stretta integrazione con il medico di medicina generale e con gli altri professionisti della salute che operano nella rete territoriale. Prossimità con la persona, la famiglia e il suo contesto di riferimento sociale, sono i concetti portanti del nuovo modello di assistenza dell’infermiere di famiglia e comunità i quali permetteranno una maggiore personalizzazione dell’assistenza infermieristica territoriale. 

L’infermiere di famiglia e di comunità orienterà persone e famiglie nella complessa rete dei servizi territoriali facilitandone l’accesso e la continuità assistenziale.