Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > MUSEO STIBBERT > Le donne di casa Stibbert
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 

Nella seconda metà dell’Ottocento e fino al 1906, quando Frederick Stibbert morì lasciando la sua casa-museo alla città di Firenze perché fosse aperta al pubblico, nella grande villa di Montughi aveva abitato la famiglia.
Non tutti sanno da chi era composta. Il padre di Frederick, Thomas Stibbert, era morto nel 1847 e solo due anni più tardi la moglie Giulia Cafaggi aveva acquistato la villa sulla collina di Montughi e vi si era trasferita con i tre figli: Frederick, Sophronia e Erminia.
Erminia morì giovane, nel 1859, a soli sedici anni, e Sophronia sposò nel 1861 il conte Alessio Pandolfini trasferendosi nel grande palazzo di via S. Gallo.
Nel frattempo Frederick, che era stato mandato a studiare in Inghilterra, aveva raggiunto la maggiore età e aveva preso pieno possesso del suo patrimonio, tornando a vivere a Firenze.
Così nella grande villa di Montughi vissero per molti anni assieme Frederick e sua madre Giulia, legati da grande affetto ma spesso anche in contrasto sulle scelte di trasformazione dell’edificio, in cui il collezionista accumulava le sue raccolte e la madre cercava di difendere i suoi spazi. Il rapporto tra madre e figlio, testimoniato dalle lettere conservate presso il museo, era molto vivace: nei primi tempi Giulia cercava di frenare gli entusiasmi, e soprattutto le spese del figlio, ma ben presto ne accettò il grande progetto di creazione del museo, lusingata dalla fama di cui godeva la collezione.
Alla morte di Giulia, nel 1887, Frederick Stibbert ebbe finalmente a disposizione tutti gli ambienti della casa-museo, trasformandoli nel modo in cui oggi li possiamo ammirare.
Il museo organizza periodicamente visite guidate tematiche, che presentano al pubblico la vita che si svolgeva nella casa e la storia delle signore che vi abitavano.

Per informazioni: Museo Stibbert, 055475520, biglietteria@museostibbert.it


Giulia Stibbert 1837



Giulia Stibbert con i figli Frederick, Sophronia e Erminia