Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > PROGETTO BRIDGES 2020 > ''Bridges'' il Quartiere 5 al centro del progetto Europeo
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Come promuovere e costruire la reale coesione sociale tra cittadini “autoctoni” e cittadini di origine straniera, in una città sempre più multiculturale come Firenze? E’ a questo che punta il progetto europeo “Bridges - Building Relationships and Integration by Developing local Groups and Enhancing Solidarity” (www.bridges-project.eu) – che, finanziato da The Asylum, Migration and Integration Fund (AMIF), vede a Firenze l’Associazione Italiana Cultura Sport (www.aics.it) come capofila di un partenariato composto da 9 organizzazioni provenienti da 5 paesi europei (Italia, Spagna, Grecia, Croazia e Austria), e si pone la sfida di combattere la xenofobia, le barriere culturali e le divisioni sociali promuovendo la coesione della comunità.
Per perseguire questo scopo, il progetto si propone di creare una rete delle associazioni italiane e straniere presenti sul territorio del Quartiere 5 di Firenze, promuovendo l’organizzazione condivisa di sei eventi in ambito sportivo, culturale e di volontariato, come occasione per creare nuove interazioni e responsabilità condivisa verso la comunità con cui si vive lo stesso quartiere.
Dopo aver analizzato le esigenze del territorio in tema di rapporti e interazioni tra comunità straniera e comunità “autoctona”, e dopo aver preso contatti con le associazioni del quartiere, il team al lavoro sul nostro territorio sta pianificando i tavoli di lavoro per organizzare gli eventi, il primo dei quali sarà a gennaio: “Danze e spettacoli dal mondo”.
Il progetto – e dunque i sei eventi – impegneranno e coinvolgeranno le associazioni del territorio e il quartiere 5 per tutto il 2020: questo diverrà quindi per tutto il prossimo anno spazio fisso dedicato al progetto. Su questa rubrica vi terremo informati sugli eventi e sui risultati in termini di coesione di comunità.
Noi costruiamo ponti  - “bridges” -, non muri.