Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > NOTIZIE DI PUBBLICA UTILITA' > BENE A SAPERSI
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 


CASA PROTETTA: TORNA IL CONTRIBUTO CON ALCUNE NOVITÀ


Con uno stanziamento di 115.500 euro tornano i contributi per l’installazione, da parte dei cittadini, di sistemi di sicurezza nelle proprie abitazioni. A partire dal 16 settembre sarà pubblicato sulla Rete civica del Comune il nuovo bando per richiederli: le domande di contributo (fino a 1500 euro per ogni intervento) potranno essere presentate solo on line dalle ore 12 dello stesso giorno alle 12 del 16 dicembre 2019, fino all’esaurimento delle risorse stanziate se antecedente al 16 dicembre.
Tre le novità introdotte per rendere più agevole la partecipazione dei cittadini (fermi restando gli altri requisiti già previsti nel precedente bando:
- Esteso l’ambito dei soggetti ammessi a presentare le richieste di contributo: nucleo familiare con almeno un figlio che, alla data del 31 dicembre 2019, non avrà ancora compiuto il diciottesimo anno di età
- Si può presentare la richiesta di contributo solo se, con riferimento alla medesima unità immobiliare, non sono già stati erogati contributi relativi al progetto ‘Casa protetta’ già avviato in passato
-  I cittadini richiedenti possono recarsi presso gli Sportelli al cittadino per ottenere un supporto informativo sui contenuti dell’avviso e di assistenza nelle fasi di predisposizione, di compilazione e di invio della richiesta.
Invariati, invece, i criteri di accesso e le modalità di erogazione previsti nel primo avviso:
- cittadini con residenza nel Comune di Firenze, che siano proprietari o locatari, comodatari, titolari di usufrutto o diritto di abitazione sull’unità immobiliare in cui è realizzato l’intervento (l’intervento deve essere eseguito sull’unità immobiliare nella quale la persona fisica richiedente è residente)
- valore Isee non superiore a 48mila euro
- La composizione del nucleo familiare dovrà rientrare in una delle seguenti tipologie: presenza all’interno del nucleo familiare residente di persona che compirà i 70 anni di età entro il 31 dicembre 2019 o che abbia età superiore; presenza all’interno del nucleo familiare residente di persona diversamente abile con disabilità riconosciuta pari o superiore al 75%; persone che vivono da sole e che quindi costituiscono un nucleo familiare individuale.
Numerosi gli interventi ammessi a contributo che riguardano l’installazione di sistemi di sicurezza ‘passivi’ delle abitazioni.
Informazioni dettagliate: http://servizi.comune.fi.it/servizi/scheda-servizio/casa-protetta-contributi-per-la-messa-in-sicurezza-delle-abitazioni-private

 

MUSEI CIVICI: IN ARRIVO LA "CARD DEL FIORENTINO"

Nasce la Card del Fiorentino, un Pass nominativo riservato ai residenti di Firenze e dell'area metropolitana che prevede con soli 10 ingressi illimitati per 365 giorni più tre visite guidate su prenotazione nei seguenti musei: Museo di Palazzo Vecchio (inclusi: Scavi del Teatro Romano, Torre e Camminamento di ronda, mostra “Gli Arazzi Medicei nella Sala dei Duecento”), Museo di Santa Maria Novella, Museo Novecento, Museo Stefano Bardini, Cappella Brancacci, Fondazione Salvatore Romano,  Forte di Belvedere, Torri e Porte dell’ex cinta muraria, Memoriale di Auschwitz, Museo del Bigallo, Museo del ciclismo Gino Bartali.
La card è pensata per avvicinare ancora di più i fiorentini al loro grande patrimonio artistico e contribuire alla conoscenza dell'offerta culturale dei Musei Civici con percorsi, visite a tema, laboratori, mostre temporanee. I fiorentini avranno così un biglietto speciale per i loro musei e l'opportunità di moltiplicare le occasioni di visita.
Maggiori dettagli sull'iniziativa saranno forniti nelle prossime settimane.


ADOTTATO IL PIANO DI MOBILITÀ URBANA SOSTENIBILE

Un piano di mobilità urbana sostenibile, integrato, che prova a dare risposta alle necessità di trasporto nelle aree urbane e limitrofe, in termini di efficienza, sicurezza, sostenibilità ambientale ed economica e di accessibilità. Questo l’intento del PUMS dell’intera Città Metropolitana di Firenze appena adottato. Prima di essere approvato definitivamente il Piano, che è già consultabile, potrà essere oggetto di osservazioni da parte dei cittadini fino al 31 ottobre: se ritenute congrue, il piano potrà essere variato.

Il Piano è comprensivo anche del BICI PLAN ovvero del piano metropolitano della mobilità ciclistica.

Tutta la documentazione sul piano è disponibile sul sito della Città Metropolitana nella Sezione dedicata al PUMS, alla pagina
http://www.cittametropolitana.fi.it/pums/pums-adottato/


IL TEATRO PUCCINI FRA LE STRUTTURE DEL COMUNE

 

Con la firma dell’accordo di cessione dell’immobile tra l'amministrazione comunale e la Manifattura Tabacchi Spa, società proprietaria del complesso monumentale, si avvia a compimento quanto previsto dal piano di recupero dell’edificio, adottato nel dicembre dello scorso anno dalla Giunta.
La trasformazione del complesso della ex Manifattura Tabacchi comporterà la nascita di un nuovo centro della città con funzioni direzionali, servizi e, con questo teatro, anche un polo di opportunità culturali aperto a tutta la città.
Il teatro Puccini, il meno convenzionale rispetto al teatro del Maggio e della Pergola, entra quindi a far parte del patrimonio comunale. Luogo aperto alle più varie discipline artistiche, alle diverse generazioni e culture, al servizio della comunità degli artisti e dei cittadini, il teatro è un luogo che affonda le sue radici nella Firenze operaia degli anni Quaranta e che ogni anno si rinnova con un’offerta culturale professionale e di qualità.
La gestione continuerà ad essere affidata all'Associazione Culturale Teatro Puccini, nata nel 2002 proprio a tal fine, e che lo ha reso una realtà sempre più conosciuta e importante anche a livello nazionale.

 
TRAMVIA, ESTENSIONE DELLE LINEE 2 E 4

 

Un nuovo passo avanti verso la realizzazione delle estensioni delle linee 2 e 4 della tramvia. La giunta comunale nell’ultima seduta ha stabilito, su proposta dell’assessore alla mobilità Stefano Giorgetti, di procedere alla redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica della prosecuzione della linea T2 Vespucci dall’aeroporto a Sesto Fiorentino (con capolinea in viale dei Mille) e del secondo lotto della linea 4 (dalla Piagge a San Donnino e da San Donnino a Campi Bisenzio). E per quanto riguarda la linea 2 è stata preferita la soluzione con il passaggio all’interno del Polo Scientifico. “Si tratta di un importante passo in avanti rispetto allo studio preliminare che per la linea di Sesto prevedeva le due ipotesi che sono state illustrate nell’incontro presso il Polo Scientifico all’inizio di luglio - commenta l’assessore Giorgetti – . Tra gli indirizzi della futura progettazione, infatti, viene privilegiata la soluzione risultata migliore dal punto di vista funzionale e trasportistico, quella all’interno del Polo universitario”.
La delibera prevede infatti una serie di indirizzi a cui dovrà attenersi la futura progettazione. Per quanto riguarda la linea 2 il superamento dell’ipotesi di binario banalizzato nel sottopasso di viale dei Mille valutando una soluzione con doppio binario di cui uno in promiscuo con il traffico veicolare. E anche l’individuazione di un’area in prossimità del capolinea di viale dei Mille o di altre fermate terminali da destinare a parcheggio, anche per le biciclette, in modo da favorire l’utilizzo della linea da parte dei residenti del centro abitato di Sesto. Infine si chiedono proposte alternative dei sovrappassi sui corsi d’acqua meno impattanti.
Per quanto gli indirizzi per la progettazione del prolungamento verso Campi Bisenzio, si chiede di approfondire anche la soluzione alternativa dell’attraversamento dell’Autostrada A1 in corrispondenza di via Pistoiese che prevede il passaggio da via Abruzzi; e di approfondire la soluzione di tracciato nel tratto prossimo all'abitato di San Piero a Ponti alla luce della prevista realizzazione di un'area di sosta di interscambio autostradale da parte di Autostrade per l'Italia.

 
ATTIVATE 63 NUOVE TELECAMERE DI VIDEOSORVEGLIANZA

 

Le nuove telecamere si trovano nei quartieri 1, 2 e 5. Sono state installate rispettivamente nel centro storico (area Sant’Ambrogio e via dei Benci e San Niccolò in Oltrarno), nel quartiere Leopolda, nelle zone del Parterre, di Campo di Marte e Varlungo-Rovezzano e all’incrocio tra via di Brozzi e via della Saggina.
Il sistema di videosorveglianza di Firenze è costituito adesso da 818 telecamere, collegate con una rete in fibra ottica a un sistema centrale di supervisione, gestione ed archiviazione. Le immagini sono rinviate dal sistema in tempo reale alle sale operative di Polizia municipale, Questura, Carabinieri e Guardia di Finanza oltre che alle sale gestione semaforiche della Direzione Mobilità e di Silfi e alle sale operative del 118, della Protezione civile e dei Vigili del fuoco.
Le telecamere sono state installate nelle zone maggiormente sensibili della città, tenendo conto sia delle priorità concordate con la prefettura in sede di Cosp che delle segnalazioni dei presidenti di Quartiere e dei cittadini.

 
NUOVI PANNELLI A MESSAGGIO VARIABILE

Si è conclusa la sostituzione dei 13 pannelli a messaggio variabile presenti in città. L’operazione, effettuata da Silfi Spa per conto del Comune, ha mandato in pensione i vecchi apparecchi. Al loro posto nuovi dispositivi di tipo Full Matrix Full Color che oltre ai caratteri alfanumerici possono riportare anche elementi grafici (come segnali stradali) e mostrare testo e grafica a colori.
I 13 nuovi pannelli a messaggio variabile si trovano in via Pratese (il primo ad essere attivato), via del Gelsomino, via Baracca, viale Guidoni, via Mafalda Di Savoia, viale Volta, via del Gignoro, via Sestese, viale Strozzi, via Pisana, lungarno Aldo Moro, piazza Ravenna e viale De Amicis (l’ultima accensione).
Ma il lavoro di miglioramento di questo tipo di comunicazione non si ferma qui. Il Comune sta progettando l'installazione di ulteriori 7 pannelli, in posizioni strategiche per la viabilità (Firenze nord, viale Etruria, via Senese altezza bypass del Galluzzo, viadotto Marco Polo altezza viale Europa, via Bolognese altezza La Lastra, viadotto Indiano, via Pistoiese) per un investimento complessivo di 400 mila euro, finanziati nell'ambito del PON Metro. La realizzazione è prevista entro il prossimo anno.