Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 3 > Primo piano > NUOVE SOLUZIONI PER SNELLIRE IL TRAFFICO ATTORNO A PONTE A EMA
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 Una riorganizzazione del nodo viario di Ponte a Ema finalizzata alla riduzione delle code in uscita dal casello autostradale Firenze Sud consentendo anche al traffico diretto su via Goffredo della Torre in direzione di Firenze e Bagno a Ripoli di bypassare l’abitato. È quello che prevede il progetto condiviso tra le due amministrazioni comunali. 

La riorganizzazione interessa il tratto di via Chiantigiana prossimo all'abitato di Ponte ad Ema e compreso fra via Lungo l'Ema e via Duca di Calabria. Si tratta di una porzione di territorio al confine tra i comuni di Firenze e Bagno a Ripoli che rappresenta un nodo fondamentale per la viabilità dell’area sia per la posizione di connessione tra l’area del Chianti fiorentino e l’Autostrada A1, sia perché permette di accedere al viadotto Marco Polo, via maestra per puntare verso Firenze per chi esce a Firenze Sud.  Per quanto riguarda il territorio del Comune di Firenze il progetto prevede la riorganizzazione dell’attuale rotatoria di Ponte a Ema in modo da fluidificare maggiormente il traffico riducendo la lunghezza delle code in uscita dal casello Firenze Sud; al tempo stesso consente di bypassare l’abitato di Ponte a Ema per chi è diretto verso  via Goffredo della Torre in direzione Firenze e Bagno a Ripoli (eliminando il passaggio da via Gualdrada). Sul territorio del Comune di Bagno a Ripoli, il progetto prevede la realizzazione di una nuova rotatoria all’intersezione di via Chiantigiana con via Lungo l’Ema e la riqualificazione di quest’ultima strada compreso l’adeguamento del parcheggio. 
I lavori, dal costo complessivo di un milione di euro, sono finanziati da Società Autostrade nell’ambito degli interventi di fluidificazione e messa in sicurezza della viabilità locale.