Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > CULTURA > LE GRANDI MOSTRE
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 

 


IL CODICE ATLANTICO DI LEONARDO NELLA SALA DEI GIGLI

 

Nella Sala dei Gigli di Palazzo Vecchio è visitabile la mostra Leonardo da Vinci e Firenze. Fogli scelti dal Codice Atlantico, rassegna che celebra il cinquecentenario della scomparsa di Leonardo da Vinci avvenuta ad  Amboise nel 1519.  la mostra si propone di ritrovare nei fogli del Codice i tanti richiami al luogo d’origine di Leonardo, mai veramente lasciato e comunque mai dimenticato.

I dodici fogli scelti raccontano vari soggetti: le relazioni di parenti e amici con fatti fiorentini, il Palazzo della Signoria, i Medici, Santa Maria Nuova, l’Arno e la cartografia idraulica nel territorio fiorentino, gli studi sul volo e sulla geometria.

Chiude l’esposizione un solo quadro, proveniente dalla Pinacoteca Ambrosiana. Si tratta di un dipinto attribuito a uno dei principali allievi di Leonardo, Gian Giacomo Caprotti detto il Salaì, che raffigura il Busto del Redentore.

La mostra è visitabile negli orari d’apertura di Palazzo Vecchio fino al  24 giugno tutti i giorni dalle 9 alle 23, tranne il giovedì, dalle 9 alle 14. Vi si accede con il biglietto di Palazzo Vecchio.

 


 

CATERINA DE’ MEDICI, LA REGINA CHE RIVOLUZIONÒ I COSTUMI DELLA CORTE DI FRANCIA

Si dice che Caterina abbia apportato una vera e propria rivoluzione alle corte reale una volta divenuta regina. Non solo per la consuetudine di accogliere maghi e indovini (era amica personale di Nostradamus), ma perché introdusse tutta una serie di novità nei costumi, sia pratiche che licenziose. Si ipotizza che sia stata lei a diffondere l'uso delle mutande presso le dame della corte, in quanto indumento essenziale per cavalcare all’amazzone e che anche il famoso "bacio alla francese" sia una sua introduzione, per non parlare poi dei tacchi alti, che la facevano apparire più regale e autorevole. Più certa è la consuetudine di vestirsi di nero in segno di lutto, infatti, alla morte del figlio Enrico II, re di Francia, Caterina iniziò a vestirsi esclusivamente di questo colore, contravvenendo alla tradizione che voleva le regine abbigliate solo di bianco.

Fino a mercoledì 15 maggio a Palazzo Medici Ricciardi si può visitare la mostra “Omaggio a Caterina”  per ripercorrere la vita di questa donna unica, l’evento si inserisce nel ricco programma di eventi in occasione dei 500 anni dalla nascita di Caterina de’ Medici e del Granduca Cosimo I.

Il calendario completo e aggiornato degli eventi su https://www.500cosimocaterina.it/