Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere1 > NO > COME NACQUE IL COCKTAIL NEGRONI
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Non molti lo sanno ma uno fra i più famosi drink internazionali è nato a Firenze: il Negroni.
Fu grazie a un conte, Camillo Negroni che, entrando nell’allora caffè Casoni che si trovava tra via Tornabuoni e via della Spada, stanco del solito Americano, propose al barman Fosco Scarselli un’originale variante al suo drink con una spruzzatina di gin in sostituzione del seltz. La bevanda piacque così tanto che presto divenne famosa col nome di Negroni in onore del conte.
Il Caffè Casoni invece non durò a lungo perché terminò la sua attività negli anni ‘30. Divenne prima Caffè Giacosa e in seguito il locale fu acquistato dal noto stilista Roberto Cavalli.
Ma a Firenze è nato un altro liquore, l’Alchermes, il più antico. Veniva infatti prodotto fin dal ‘500 dai frati di Santa Maria Novella ed era molto apprezzato anche dalla famiglia dei Medici tanto da chiamarlo Elisir di lunga vita. Si tratta, come è noto, di un liquore da dessert la cui colorazione rosso vivo proviene da un insetto essiccato, la cocciniglia, che in spagnolo si chiama "alquermes".
Questo liquore di lungo corso si caratterizza per il sapore dolce-speziato e viene ormai impiegato più che altro in pasticceria come colorante e aromatizzante naturale nella preparazione di molti dolci.