Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 3 > Primo piano > IN CORSO UNA MAPPATURA DEGLI SPAZI PUBBLICI
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 La città di Firenze è piena di spazi: giardini, stanze, sale riunioni, luoghi pubblici in parte di propietà e gestione dell'Amministrazione Comunale in parte con un mix di gestione tra pubblico-privato. Allo stato attuale però chiunque abbia bisogno di tenere una riunione con la propria associazione o deve organizzare degli incontri culturali non dispone di un unico riferimento sul web dove poter verificare quale spazio si adatta alle proprie esigenze. Il Comune ha ora deciso di predisporre e renderepienamente accessibile una mappa facilmente navigabile dove sono raccolti gli spazi pubblici usabili in città dai cittadini e dalle associazioni. Per prevenire a questo risultato si stanno preparando gli Open Data e a tutte le associazioni viene chiesta la disponibilità di propporre nuovi spazi compilando una semplice pagina web, in modo da ampliare la disponibilità complessiva. A questo scopo si stanno organizzando degli incontri nei quartieri, il cui ruolo sarà particolarmente importante in questo proceesso perchè queste istituzioni di base rappresentano un punto di contatto diretto sul territorio per l'accessibilità e l'uso di questi spazi.

Il primo incontro si è svolto presso la sede del Quartiere 4, seguiranno il 26 febbraio alle 17.30 il Quartiere 5 e il 27 febbraio alle 17.30  il Quartiere 1 a Palazzo Vecchio (Sala Macconi). Seguiranno poi incontri al Q2 e al Q3.
Il lavoro preparatorio si concluderà entro marzo e darà luogo ad uno strato informativo che sarà pubblicato in Open Data della città di Firenze. 
E’ importante precisare che questo non costituirà un sistema di prenotazione o di gestione degli spazi, che resteranno prerogativa delle rispettive strutture responsabili.