Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere4 > Agenda > LE GRANDI MOSTRE
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook



GORMLEY AGLI UFFIZI

Antony Gormley, già protagonista nel 2015 di una magnifica esposizione sugli spalti del Forte di Belvedere, torna a Firenze con la rassegna ‘Essere’ alla Galleria degli Uffizi. Spicca tra le opere l’impressionante 'Passage', grande installazione metallica di 12 metri. La rassegna, in programma fino al 26 maggio, si articola attraverso 12 opere poste nell'aula magliabechiana e altre 2 collocate all'interno del percorso espositivo della Galleria per culminare infine in una suggestiva figura, installata sulla terrazza, che incombe sul sottostante spazio urbano della Loggia dei Lanzi e di piazza della Signoria. Le opere, realizzate in diversi materiali e dimensioni, affrontano e visualizzano il rapporto tra spazio e corpo, uno dei temi più cari allo scultore britannico.



 


GIORGIO MORANDI AL MUSEO NOVECENTO

Dal 15 marzo al 27 giugno, a cinquantacinque anni dalla scomparsa del grande pittore il Museo Novecento ospita ‘Exit Morandi’, una mostra dedicata alle opere dell’artista bolognese.
La mostra, curata da Maria Cristina Bandera e Sergio Risaliti, vede la collaborazione di Fondazione Roberto Longhi e Villa Brandi e si avvale dei prestiti della Galleria Nazionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Roma, della Banca Monte dei Paschi di Siena e di significative collezioni private. In mostra si potranno ammirare nature morte, paesaggi, fiori e una serie di incisioni.



150 ANNI DA ‘L’IDIOTA’ DI DOSTOEVSKIJ

Sono trascorsi 150 anni dalla stesura dal capolavoro di Fedor Dostoevskij, ‘L’Idiota’, che il grande romanziere russo scrisse a Firenze nella casa di piazza Pitti dove aveva preso alloggio e dove da tempo è stata apposta una targa commemorativa. 
A ricordare questa eccezionale circostanza è stata allestita, nella Sala Gonfalone del palazzo del Pegaso (sede del consiglio regionale toscano, via Cavour 2),  una mostra di opere grafiche ideata dall’Associazione “Anima. Centro di Innovazioni Culturali” in collaborazione con il Museo Statale della storia della letteratura russa di Mosca, con il Museo letterario e commemorativo di F. Dostoevskij di San Pietroburgo e con il patrocinio dell’Ambasciata della federazione Russa e del Consolato Onorario della Federazione Russa di Pisa. 
La mostra è visitabile fino al 14 aprile. Ingresso gratuito.


 


LA FIRENZE DI LA PIRA ALL’ARCHIVIO STORICO

Una stagione politica e culturale per molti versi straordinaria, la Firenze degli anni Cinquanta, (quella del sindaco Giorgio La Pira, della ricostruzione e dell’espansione urbanistica, della nascita dell’alta moda e del primo scudetto della Fiorentina) rivive nelle fotografie, nei documenti e nelle pagine del «Giornale del Mattino».
La mostra Firenze anni Cinquanta. La Pira e il “Giornale del Mattino” di Bernabei, a cura di Pier Luigi Ballini, promossa da Comune di Firenze e Fondazione La Pira è visitabile fino al 3 maggio presso l’Archivio Storico del Comune di Firenze in via dell’Oriuolo 33 (orari: dal lunedì al sabato 10-13; aperture pomeridiane martedì e giovedì 14.30-17.30).
27 pannelli illustrativi ricostruiscono i momenti salienti di questa florida stagione cittadina con documenti esclusivi, fotografie d’epoca e, in particolare, attraverso le pagine del «Giornale del Mattino», in quegli anni diretto da Ettore Bernabei.  Un’apposita sala della mostra è dedicata alle opere che nel biennio 1954-1955 furono esposte, nella sede del giornale in via delle Ruote, da due tra i principali innovatori della pittura italiana della prima metà del Novecento: Primo Conti e Ottone Rosai. A questi si aggiunge una scelta di quadri conservati nel Fondo del «Giornale del Mattino» di proprietà della Fondazione Cassa di Risparmio di Firenze, realizzati dagli artisti che a Firenze animarono la stagione pittorica immediatamente successiva: Dino Caponi, Renzo Grazzini, Silvio Loffredo e Bruno Rosai.
 


VERROCCHIO,  IL MAESTRO DI LEONARDO

Dal 9 marzo al 14 luglio  Palazzo Strozzi celebra Andrea del Verrocchio, artista simbolo del Rinascimento a Firenze, attraverso una grande mostra che ospita oltre 120 opere tra dipinti, sculture e disegni provenienti dai più importanti musei e collezioni del mondo come il Metropolitan Museum of Art di New York, il Musée du Louvre di Parigi, il Rijksmuseum di Amsterdam, il Victoria and Albert Museum di Londra, le Gallerie degli Uffizi di Firenze.
La mostra prevede anche una sezione al Museo Nazionale del Bargello, che raccoglie insieme per la prima volta celebri capolavori di Verrocchio e opere dei più famosi artisti della seconda metà del Quattrocento legati alla sua bottega, come Domenico del Ghirlandaio, Sandro Botticelli, Pietro Perugino e Leonardo da Vinci, il suo più famoso allievo.
L’esposizione è fra gli eventi di maggior rilievo delle celebrazioni leonardiane del 2019 e costituisce la prima retrospettiva mai dedicata a Verrocchio, mostrando al contempo gli esordi di Leonardo da Vinci e offrendo uno sguardo sulla produzione artistica a Firenze tra il 1460 e il 1490, l’epoca di Lorenzo il Magnifico.
La mostra è promossa e organizzata da Fondazione Palazzo Strozzi, Museo del Bargello e National Gallery of Art di Washington DC (sarà la seconda sede dell’esposizione dal 29 settembre 2019 al 2 febbraio 2020).

Info: www.palazzostrozzi.org


 


L’ICONA DAVID BOWIE A PALAZZO MEDICI RICCARDI

Dal 30 marzo al 28 giugno Palazzo Medici Riccardi ospita "Heroes - Bowie by Sukita", una retrospettiva, a cura di Ono Arte Contemporanea, dedicata a David Bowie, icona della cultura pop, ritratto da un maestro indiscusso della fotografia giapponese: Masayoshi Sukita.
L'esposizione presenta 60 fotografie di grande formato, che ripercorrono un sodalizio durato oltre quarant'anni tra la leggenda del pop rock e il grande maestro della fotografia. Non solo gli scatti iconici che illustrarono la copertina dell'album "HEROES", ma anche fotografie storiche tratte dall'archivio personale di Sukita che raccontano un'amicizia iniziata negli anni Settanta.
Nel corso dei tre mesi di esposizione, molti saranno gli eventi collaterali nel segno di Bowie. Le Nozze di Figaro coordineranno infatti una scaletta di concerti acustici di musicisti nel cortile del palazzo e i fan di Bowie potranno trovare al bookshop una ricca scelta di libri e merchandising a lui dedicati.
Orario:  da lunedì a domenica, ore 9-19 (mercoledì chiuso)

INFO    www.oeoart.com www.palazzomediciriccardi.it