Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere4 > Cultura > NATALE COL BOTTO AL QUARTIERE 4
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook



“Si può proprio definire un Natale col botto quello che, al Quartiere 4, ha accompagnato il ciclo delle festività tra 2018 e 2019: un botto di qualità delle iniziative, di varietà nella programmazione, di successo di pubblico (siamo nell’ordine delle migliaia di persone) e di concreta solidarietà. Un risultato fatto insieme di cultura, civiltà e unità, che, come auspicavamo, ha rinsaldato ancora di più la nostra bella Comunità”. Questo il commento a caldo del presidente del Q4 Mirko Dormentoni.
Dal calendario, sviluppato in collaborazione con l' Associazione Culturale Nuovo Centro Studi Il Globo, ricordiamo le manifestazioni che hanno occupato di sogni e magia strade, piazze e giardini. Insieme ai ragazzi delle scuole abbiamo acceso tanti Alberi di Natale, nei parchi di Villa Vogel e di Villa Strozzi, a Ponte a Greve e in piazza Pier Vettori, creando un grande Presepe vivente di rara suggestione, che si è aggiunto alla Mostra dei Presepi a Villa Vogel e al mitico Presepe della Parrocchia dei Bassi. E poi le piazze: quella dell’Isolotto che, l’8 dicembre, ha vissuto il “Natale all’Isolotto”, a cura di Confartigianato, tra artigianato, street food, attività varie e l’immancabile Albero, e che si è ripopolata di centinaia di bambini e rispettive famiglie il 5 gennaio, quando, per la gioia di grandi e piccini, è arrivata la Befana, con il suo corredo di musica, dolciumi e falò finale del suo fantoccio, a simboleggiare il nuovo che avanza. Tanta, tanta gente davvero!
Ma abbiamo colorato di musica e gioia anche le fermate della Linea 1 della tramvia, con il TramConcerto di Natale: Christmas Carols per tutti, con viaggiatori e passanti insieme sorpresi e felici. Per chi, invece, ha preferito il calore fiabesco delle tradizioni e dei simboli più poetici, dal 20 al 23 dicembre, presso la Limonaia di Villa Vogel, c’era ad accoglierlo “La casa di Babbo Natale”, con Teatrolà: laboratori, spettacoli, animazioni e l’arrivo proprio di... Babbo Natale!, per un giorno eccezionalmente in gaia combutta con il Clown Billy dell’Atelier Alzheimer.
Musica e gioia, abbiamo detto. È quanto abbiamo letto negli occhi dei molti spettatori che hanno affollato ai limiti della capienza tutti i nostri spettacoli e concerti, a partire da“Quando eravamo Promessi Sposi”, dell’Associazione La Rosa e il Violino, il 13 dicembre in sala consiliare, passando, il 15 dicembre, per il Concerto “Athenaeum for Christmas” (Coro Gospel, No Time Jazz Band, Orchestra Children’s Corner) presso l’Auditorium Piero della Francesca, fino a uno degli eventi clou e più partecipati (oltre 500 persone!), il “Concerto di Capodanno” all’Hotel Hilton, curato da O.M.E.G.A. (Orchestra Musica Europea e Gruppi Associati) e diretto da Alan Freiles Magnatta, con l’Orchestra Nuova Europa (musiche di Strauss, Bizet, Rossini, Tchaikovskij, Offenbach, Verdi e Puccini), il soprano Cristina Ferri e il tenore Roberto Cresca (brani di Verdi e Puccini), e la novità del balletto di Monica Madera. Platea strapiena, uno spettacolo caleidoscopio, applausi a non finire, un’autentica festa.
Ultimo appuntamento con la musica, ma solo in ordine di tempo, il “Concerto della Befana” del Piccolo Coro Melograno, del 6 gennaio, alla Limonaia di Villa Strozzi, che ha unito un repertorio ricco tra sacro e profano alla simpatia e alla bravura dei tanti bambini e ha visto tutto il pubblico (300 persone) divertirsi e provare l’emozione dei brividi a fior di pelle che solo la buona musica sa dare.
Ma c’è di più, c’è il fattore solidarietà. Innanzi tutto, i tre grandi concerti del 15 dicembre, del 1° e del 6 gennaio, sono stati l’occasione per raccogliere fondi a sostegno rispettivamente dell’associazione Io sono, del Fondo Essere (2000 euro raccolti per i prestiti di solidarietà alle famiglie in difficoltà!) e dell’associazione Duccio Dini. E poi la festa del 18 dicembre in Sala Consiliare, con i saluti di Fine Anno del Presidente Mirko Dormentoni, e la consegna ad alcuni cittadini del riconoscimento “Il Quattrino”, un premio rivolto a persone e ad associazioni che, attraverso il loro impegno civico, hanno contribuito a rendere migliore il nostro territorio, più ricco di opportunità, più bello, più solidale, più espressione di Comunità.