Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere1 > Territorio e Ambiente > VIALE BELFIORE, ADOTTATA LA VARIANTE
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Adottata dalla giunta di Palazzo Vecchio la variante relativa al piano di recupero dell’area ex Fiat che chiude il ‘buco’ di viale Belfiore, dopo l’interruzione dei lavori avviati nel 2006 per le difficoltà della proprietà originaria. Il progetto prevede tre edifici con un grande ‘boulevard’ pedonale, una piazza verde e un tetto-giardino aperti al pubblico, oltre a  nuovi marciapiedi, illuminazione, pista ciclabile e una terza corsia lungo via Benedetto Marcello.
L’edificio destinato ad albergo, affacciato su viale Belfiore in angolo con via Benedetto Marcello, è articolato in due immobili divisi da un grande passaggio pedonale a uso pubblico e comunicanti attraverso un tetto-giardino in parte adibito anch’esso a uso pubblico. Per far sì che la struttura risulti il più possibile in continuità con gli edifici circostanti, il fronte su viale Belfiore si presenta suddiviso in quattro corpi di fabbrica, intervallati da giardini pensili. L’attacco a terra è caratterizzato da un’ampia gradinata che lambisce lo spazio di uso pubblico, coperto e porticato, che corre lungo viale Belfiore. Il progetto ‘dialoga’ architettonicamente con l’edificio storico della palazzina Mazzoni, collocato nel lato opposto tra viale Belfiore e viale Redi. Il grande passaggio pedonale a uso pubblico unisce/separa i due edifici, attraversa l’isolato e prosegue nello spazio verde, sempre di uso pubblico, posto davanti al terzo edificio, creando così una diretta comunicazione tra il viale Belfiore e via Benedetto Marcello. All’interno del passaggio pedonale si trova una scala centrale con struttura leggera e trasparente, che conduce allo spazio in copertura, destinato per la maggior parte della sua superficie a uso pubblico. La variante al Piano di recupero prevede infine, secondo le modalità che saranno specificate nella convenzione da sottoscrivere, la realizzazione delle opere di urbanizzazione funzionali all’intervento di trasformazione urbanistica con opere interne ed esterne al perimetro (marciapiedi, pista ciclabile, terza corsia lungo via Benedetto Marcello, pubblica illuminazione, sottoservizi e organizzazione della raccolta rifiuti).
Per quanto riguarda la tempistica dei lavori la proprietà del ‘The Student Hotel’ ha annunciato l’imminente avvio  della messa in sicurezza del sito e nella prima metà del prossimo anno la realizzazione della struttura interrata. Non appena questi lavori e l'iter autorizzativo saranno completati si potrà dare il via alla costruzione vera e proprio del complesso alberghiero.