Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 3 > Notizie di pubblica utilita' > BENE A SAPERSI
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 BONUS IDRICO INTEGRATIVO

 
Dal 23 ottobre al  22 novembre,  presso la Direzione Servizi sociali, viale De Amicis 21, si riaprono i termini per presentare la domanda di bonus sociale idrico integrativo per l’anno 2018. 
Si tratta di un’agevolazione tariffaria, integrativa rispetto al bonus idrico nazionale (gestito dagli Urp del Comune di Firenze), che è stata introdotta dall’Autorità idrica Toscana ed è destinata ai nuclei familiari residenti che versano in condizioni socio-economiche disagiate. Possono presentare domanda i cittadini residenti nel Comune di Firenze, anche extracomunitari se in possesso di regolare titolo di soggiorno, intestatari di un contratto per la fornitura idrica domestica e con un valore Isee non superiore ai 13.000 euro (elevabile a 20.000 euro in caso di famiglie numerose con almeno 4 figli a carico). Agli aventi diritto viene riconosciuta un’agevolazione pari a metà della spesa relativa al consumo idrico per l’anno 2017, diminuita dell’importo massimo del bonus sociale idrico nazionale. Lo sportello per il ricevimento e per l’eventuale supporto alla compilazione delle domande sarà aperto il martedì, il mercoledì e il giovedì dalle 9 alle 13. Sarà anche possibile inoltrare la domanda per posta raccomandata o via mail. La modulistica è scaricabile dalla rete civica o ritirabile presso la Direzione Servizi sociali.
 
Per info e dettagli http://servizi.comune.fi.it/servizi/scheda-servizio/bonus-sociale-idrico-integrativo-anno-2018-riapertura-termini-bando 
 
 
 
 
CONTRIBUTO PER CHI ASSISTE FAMILIARI NON AUTOSUFFICIENTI 
 
Fino al 12 novembre è possibile richiedere un contributo economico per le persone anziane non autosufficienti che si avvalgono dell’assistenza di un familiare. Possono chiedere il contributo le persone anziane in condizione di non autosufficienza che alla data del 30 settembre scorso si trovavano in lista d’attesa per l’accesso al ‘Contributo di sostegno alle cure familiari’ previsto nel Piano di assistenza personalizzato (Pap) nell’ambito del percorso sociosanitario di presa in carico delle persone anziane non autosufficienti.
I familiari che prestano assistenza devono essere maggiorenni, non occupati, pensionati o lavoratori per non oltre 20 ore settimanali. L’importo annuo, in base all’Isee, varia da 1000 a 4000 euro.
La domanda va presentata ai servizi sociali comunali del territorio.
Il contributo è riferito all’anno 2018, è forfettario ed è erogato in un’unica soluzione annuale, per un importo massimo pari a 4mila euro.
 
 
PARTE IL CENSIMENTO, CON ALCUNE NOVITÁ DI RILIEVO
 
Da oltre un secolo e mezzo l’Italia, ogni 10 anni, si fa i conti addosso, per capire non solo quanti siamo ma anche come stiamo cambiando dal punto di vista economico, sociale, culturale.
Da qualche giorno sono iniziate le fasi operative del Censimento Permanente della Popolazione organizzato da Istat e dai comuni e destinato a sostituire il vecchio censimento generale. Quella che si sta attuando rappresenta davvero una svolta sostanziale perchè per la prima volta la rilevazione censuaria si svolge con cadenza annuale e non più decennale, in modo da poter acquisire informazioni sempre più aggiornate sulle famiglie, i loro componenti, la condizione professionale, le caratteristiche degli alloggi. Rispetto ai censimenti precedenti la differenza non risiede solo nella diversa periodicità della rilevazione perché le famiglie  non saranno coinvolte tutte insieme nello stesso momento, ma solo attraverso campioni rappresentativi. Anche le modalità di esecuzione della rilevazione prevedono una doppia possibilità: alcune famiglie verranno contattate direttamente da un rilevatore comunale, altre riceveranno una lettera da parte di Istat con le istruzioni per la compilazione via web e le informazioni per i contatti telefonici. In caso di mancata risposta anche questi nuclei riceveranno la visita di un rilevatore.
Il Censimento coinvolgerà circa 5.000 famiglie e le operazioni sul campo, iniziate il 1° ottobre, termineranno poco prima di Natale. 
 
Per info, chiarimenti e ulteriori dettagli specifici: 055.3282257  055.3282210 censimento@comune.fi.it
 
 
 
 
DAL 1° NOVEMBRE VIA AGLI IMPIANTI DI RISCALDAMENTO 
 
Dal 1° novembre, come di consueto, potremo accendere il riscaldamento nei nostri appartamenti.
Ricordiamo in proposito gli elementi informativi di maggior rilievo:
il periodo di attivazione degli impianti scade il prossimo 15 aprile;
la durata massima giornaliera di esercizio degli impianti termici è di 12 ore, distribuite in più fasce orarie nell'arco della giornata, dalle ore 5 alle ore 23;
le temperature massime consentite sono: 18°C ( + 2°C di tolleranza) per gli edifici adibiti ad attività industriali, artigianali e assimilabili;
20°C  (+ 2°C di tolleranza) per tutti gli altri edifici (residenze, uffici, etc.);
la legge, in base all’individuazione delle Zone Climatiche, attribuisce ad ogni Comune la propria
zona con i relativi  limiti per l’esercizio degli impianti termici;  Firenze è classificata in zona D.
 
 
AFFITTO SALE PER MATRIMONI E UNIONI CIVILI, PAGAMENTO ON LINE
 
Da oggi anche l’affitto delle sale messe a disposizione dal Comune di Firenze per la celebrazione dei matrimoni e delle unioni civili può essere effettuato on line, grazie al progetto PON Tributi Semplici-PagoPA. Pago PA consiste in un sistema di pagamenti elettronici realizzato per rendere più semplice, sicuro e trasparente qualsiasi pagamento verso la Pubblica Amministrazione.
 
Per visualizzare il nuovo servizio http://servizi.comune.fi.it/servizi/pagamento-sale-matrimoni-e-unioni-civili