Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > PRIMO PIANO > VIA AL PROGETTO PER IL PARCHEGGIO PUBBLICO NELL' AREA EX MECCANOTESSILE
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook


 

 

 

 

 

Un nuovo parcheggio pubblico nel cuore del quartiere di Rifredi. La giunta comunale  ha dato il via libera al progetto dell’area di sosta che sarà realizzata all’interno dell’ex-Meccanotessile, stanziando 750.000 euro.
Il progetto interessa l’area prospiciente via Alderotti (circa 2.900 mq) e prevede la demolizione del muro di cinta e la realizzazione di 75 posti, di cui 4 per disabili, con stalli di sosta disposti a pettine su due file con una corsia centrale per l’accesso e la manovra. L’area di sosta sarà posta a una quota inferiore al livello stradale di circa 50 centimetri e le due zone saranno raccordate con una modesta scarpata erbosa dove saranno collocate sedute, rastrelliere per le biciclette e un filare di nuovi alberi. La scelta è caduta sul carpinus betulus fastigiata, la stessa essenza già piantumata lungo la linea 3 della tramvia da Statuto a via Tavanti, che si caratterizza per tolleranza all’inquinamento e resistenza alle malattie, oltre che per essere una pianta autoctona.
Completa l’intervento la realizzazione della rete di smaltimento delle acque piovane e dell’impianto di illuminazione pubblica. Il parcheggio sarà accessibile da via Alderotti e separato dal resto dell’area ex Meccanotessile da una recinzione. Previsto anche l’allargamento del marciapiede adiacente all’area del parcheggio.
Preliminarmente all’esecuzione dei lavori dovranno essere effettuate una serie di operazioni preparatorie come la bonifica bellica, la pulizia dell’area, la demolizione dei manufatti esistenti e del muro di cinta. Sarà anche ispezionata la cisterna interrata presente a nord dell’area per valutare l’eventuale necessità di ulteriori interventi oltre al già previsto consolidamento strutturale. Il passaggio successivo è la redazione del progetto esecutivo per poi passare al bando di gara e all’aggiudicazione dell’appalto.