Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere1 > Primo Piano > NOTIZIARIO DI PUBBLICA UTILITA'
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook


CONTROLLI PERIODICI DELLE CALDAIE

Al via un nuovo ciclo di controlli sulle caldaie a Firenze. Il Comune, attraverso la società Multiservice spa, si accerterà che tutti gli impianti siano a norma attraverso le verifiche ispettive sul campo e il controllo dei 'rapporti di controllo di efficienza energetica', trasmessi dai manutentori.
Le novità del servizio riguardano prevalentemente la campagna di autocertificazione e la modalità di trasmissione dei rapporti. Come previsto dall'apposita legge regionale da quest'anno cambia anche il contributo di certificazione, che passa da 10 a 20 euro. Per aderire alla campagna di controllo è necessario contattare una delle ditte di manutenzione abilitate e il contributo andrà pertanto versato al manutentore. I rapporti dovranno essere inviati solo per via telematica e la loro presentazione può essere effettuata solamente dal manutentore, entro 30 giorni dalla data del controllo. Le verifiche ispettive riguarderanno l’intero parco impianti e saranno effettuate a campione, senza ulteriori oneri a carico degli utenti che hanno aderito alla campagna di autocertificazione precedente, o d’ufficio, con onere a carico degli utenti che non hanno aderito alla campagna di autocertificazione precedente.  In entrambi i casi, se l’impianto non è a norma, verranno evidenziate le anomalie da correggere e l’utente dovrà provvederà a chiamare la ditta di manutenzione per effettuare l’adeguamento.
Sono previsti circa 20mila controlli nel biennio 2017-2018 e sarà assicurata l’informazione continua sul servizio, attraverso lo sportello al pubblico, via Andrea da Pontedera 61, zona Legnaia, (aperto dal lunedì al venerdì, ore  9-13 e 14.30 -18.30, e il sabato, ore 9-13), e il numero verde
800582726, attivo dal lunedì al venerdì, ore 8-20.

 

MERCATO DEGLI AFFITTI, DAL 1° NOVEMBRE OPERATIVI I NUOVI ACCORDI TERRITORIALI

Novità importanti per il mercato degli affitti. A Firenze si abbassano gli affitti privati stipulati a canone concordato e dal 2019 il Comune applicherà un’aliquota Imu agevolata in caso di contratti di locazione a canone concordato abbassati di almeno il 10% rispetto al valore massimo individuato dagli accordi territoriali. E’ quanto prevede il protocollo firmato dal Comune con i sindacati degli inquilini e le associazioni dei proprietari che dà attuazione agli Accordi territoriali sulle locazioni abitative del Comune di Firenze e dei Comuni limitrofi.
Per riportare sul mercato gli immobili sfitti, attenuare il problema degli sfratti (specie quelli dovuti a morosità incolpevole o a seguito di esproprio immobiliare)  e ricondurre alla legalità il mercato sommerso degli affitti gli Accordi territoriali prevedono due importanti novità:  la diminuzione del costo a metro quadro degli alloggi (7% in meno rispetto ai prezzi dell’accordo del 2009) e maggiori controlli sulla veridicità dei contratti stipulati.
I nuovi accordi territoriali  entreranno in vigore il 1° novembre prossimo con validità di tre anni, sono stipulati tra organizzazioni sindacali, associazioni degli inquilini e associazioni dei proprietari e valgono  per i comuni di Bagno a Ripoli, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Figline e Incisa Val d’Arno, Firenze, Greve in Chianti, Impruneta, Pontassieve, Reggello, Rignano sull’Arno, San Casciano, Scandicci, Sesto Fiorentino, Vaglia.
Rispetto ai precedenti Accordi territoriali, quelli appena firmati prevedono una ridefinizione delle zone del comune, assegnando maggior valore ad alcune parti del territorio (come ad esempio Novoli) e garantendo un valore realistico agli immobili inseriti all’interno della fascia comprendente il centro storico. Tra le novità introdotte c’è anche la modifica della tipologia degli immobili, dando maggior valore al reale stato di manutenzione degli alloggi affittati, prevedendo una nuova tipologia di merito (classe AA) che assegna un prezzo a metro quadro più alto alle abitazioni di nuova costruzione o che rispondono a standard molto alti di risparmio energetico e di comfort. Al contrario vengono deprezzati gli alloggi che presentano standard di qualità molto bassi, fermo restando ovviamente l’obbligo che tutti gli impianti siano conformi alla legge.
Interventi sono previsti anche per i contratti transitori, molto usati a Firenze soprattutto dai lavoratori che si spostano da altre regioni, che sono stati diminuiti di un 15%, mentre i contratti per gli studenti universitari sono stati resi più semplici, inserendo la possibilità di alternanza nella titolarità del contratto. Grazie a tutti questi elementi  i canoni determinati dai nuovi accordi territoriali  saranno mediamente inferiori del 30% rispetto ai contratti del libero mercato.
Infine, per cercare di eliminare la piaga del mercato degli affitti a nero o irregolari, gli accordi territoriali assegnano  ai sindacati degli inquilini e dei proprietari il ruolo di certificatori della correttezza e regolarità dei contratti.
 
VIA ALLA VACCINAZIONE ANTINFLUENZALE

Al via in Toscana, come ogni anno, la campagna di vaccinazione antinfluenzale. I principali destinatari dell'offerta attiva e gratuita della vaccinazione antinfluenzale sono le persone dai 65 anni in su, e le persone di tutte le età con alcune patologie che possono aumentare il rischio di complicanze in caso di influenza. La vaccinazione si può fare dal proprio medico curante oppure nei centri vaccinali della propria Asl.
Il periodo ottimale per vaccinarsi è quello autunnale: dalla metà di ottobre fino alla fine di dicembre.
Inoltre, già da alcuni anni, la Regione Toscana ha introdotto l'offerta gratuita della vaccinazione anti-pneumococcica ai soggetti a rischio e ai sessantacinquenni, a partire dai nati nel 1950 che mantengono, con i nati nel 1951, il diritto alla gratuità. Quest'anno, è offerta gratuitamente anche ai nati nel 1952. La vaccinazione anti-pneumococcica può essere somministrata in qualsiasi stagione dell'anno, tuttavia, la campagna vaccinale antinfluenzale rappresenta una opportuna occasione per offrire, nella stessa seduta, ambedue le vaccinazioni. A differenza dell'influenza, la vaccinazione antipneumococcica non dovrà essere ripetuta ogni anno.
Da quest'anno, il Piano nazionale di prevenzione vaccinale 2017-2019 ha introdotto anche la vaccinazione anti-Herpes Zoster, che sarà offerta gratuitamente ai nati nel 1952.