Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere1 > Scuola e Territorio > URBANISTICA E VERDE PUBBLICO: PROGETTI E INTERVENTI
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

TRASFORMAZIONE URBANISTICA IN VIA BUFALINI
 

Una nuova destinazione per l’ ex-sede della Cassa di Risparmio di via Bufalini che rinasce con un mix di funzioni dando anche il via al recupero dell’area di piazza Brunelleschi.
Il complesso, parzialmente abbandonato dopo la dismissione da parte della banca e il trasferimento della sede dal centro cittadino a Novoli, è situato nel cuore della città, tra via Bufalini, via de’ Servi, via del Castellaccio e piazza Brunelleschi. L’intervento di trasformazione prevede la realizzazione di una pluralità di funzioni con una prevalenza delle destinazione residenziale, con riduzione della parte uffici a vantaggio del commercio di vicinato e con la nascita di una media struttura di vendita e di un parcheggio. In particolare, le destinazioni d’uso previste sono per il 70% residenziale, comprensiva degli esercizi commerciali di vicinato, 5% commerciale, relativa alle medie strutture di vendita, e 25% direzionale, comprensiva delle attività private di servizio.
La somma dovuta dagli operatori a titolo di compensazione ammonta a 657mila euro e andrà a finanziare una serie di interventi. In particolare saranno realizzati: in piazza Brunelleschi la predisposizione per il potenziamento delle telecamere per un importo di 26mila euro; la nuova segnaletica di orientamento del quartiere tra porta San Gallo, piazza Duomo e porta alla Croce per un importo di 79.600 euro; in via del Castellaccio il rifacimento e allargamento del marciapiede in lastrichino di pietra arenaria, lato numeri pari, per un importo di 32mila euro, e il rifacimento del manto della carreggiata, per un importo di 10mila euro; sempre in piazza Brunelleschi il rifacimento e allargamento del marciapiede, lato abitazioni, per un importo di 48mila euro; nuova pavimentazione in lastrico di pietra forte e rifacimento delle caditoie sulla carreggiata di collegamento tra via del Castellaccio e via degli Alfani per un importo di 340mila euro. L’importo residuo sarà destinato al rifacimento di carreggiata, caditoie e fondazione stradale lato civici 18-19.


GARA DI APPALTO PER LA MANUTENZIONE GLOBAL SERVICE
 

E’ in arrivo un significativo cambiamento per la manutenzione delle strade cittadine. Dopo l'esperimento effettuato negli anni scorsi nei Quartieri 2 e 5, il sistema del Global Service viene esteso all’intera rete stradale. Il bando per l’affidamento della manutenzione, un appalto di almeno 30 milioni di euro in tre anni, sarà pubblicato ad agosto in modo da attivare  il servizio per la prossima primavera.
L’oggetto dell’appalto è la rete stradale cittadina che si estende per 1.090 chilometri così suddivisi: Quartiere 1 180,09 chilometri (16,53%), Quartiere 2 228,56 chilometri (20,97%), Quartiere 3 173,75 chilometri (15,95%), Quartiere 4 203,55 chilometri (18,68%), Quartiere 5 303,69 chilometri (27,87%).
Dal punto di vista normativo il Global Service è “un contratto riferito a una pluralità di servizi sostitutivi delle normali attività di manutenzione con piena responsabilità sui risultati da parte dell’assuntore”. Il committente, in questo caso l’Amministrazione comunale, definisce i risultati attesi nel capitolato tecnico senza entrare nel merito delle modalità esecutive per il loro raggiungimento. Da parte sua l’appaltatore garantisce il raggiungimento dei risultati pattuiti agendo da coordinatore unico delle attività, con piena autonomia decisionale e responsabilità sulle azioni da adottare.
Il bando mette in gara una serie di servizi, a cominciare da una ricognizione della condizione manutentiva del manto stradale, dei marciapiedi e delle segnaletica,  in modo da allestire una banca dati informatizzata. Sulla base delle priorità di intervento così individuate saranno programmate le manutenzioni, ordinarie e straordinarie. Alla manutenzione programmata si aggiungeranno poi gli interventi di ripristino in caso di emergenza, in seguito alle segnalazioni pervenute al call center dedicato, con attivazione delle squadre entro 45-60 minuti. Se la segnalazione non presenterà elementi di pericolosità per la circolazione, la riparazione dovrà comunque essere effettuata in un  lasso di tempo da 5 a 30 giorni.

 

IL PROGRAMMA DELLE NUOVE ALBERATURE

Nuovi alberi nel Q.1 per sostituire le piante ormai pericolose. Si tratta in buona parte di sostituzione di piante in condizioni critiche dal punto di vista statico e fitosanitario, che sono state  rimpiazzate con piante scelte per resistere meglio ai cambiamenti climatici.In tutto saranno tagliati 146 pini neri ed estirpate 126 ceppaie. I nuovi alberi saranno 126 tra i quali querce, parrotie, cercidifilli e peri ornamentali. Tra le zone interessate il giardino dell'Iris, viale Poggi, viale Michelangelo e viale Galileo, il parco del Bobolino, piazza Tasso e via Senese.
A questi si aggiungono gli interventi effettuati in estate nelle scuole e all’interno del Parco delle Cascine,  in viale Belfiore, piazza Stazione e piazza San Marco. In particolare alle Cascine sono stati piantati 181 nuovi alberi in filare di 8 specie diverse: lecci (76), tigli (42), olmi (31), bagolari (15), oltre a 120 nuovi alberi in bosco, di 23 specie arboree diverse.

 

PIAZZA DEL CARMINE, CONFRONTO APERTO TRA COMUNE, CITTADINI E UNIVERSITÁ

Sulla riqualificazione di piazza del Carmine si sono svolti diversi incontri fra l’amministrazione comunale e i promotori del percorso partecipato  (rappresentanti dei cittadini residenti in Oltrarno, Dipartimento di Architettura dell’Università).
Nel confronto sono emersi alcuni punti chiave: dotazione di verde/alberi per l’ombreggiatura; giochi d’acqua; panchine e illuminazione non invasiva; attività di mercato, spettacoli ed eventi culturali rispettosi dei livelli di inquinamento acustico e luminoso. Le valutazioni progettuali hanno visto prospettare soluzioni diversificate per esempio sulla nuova pavimentazione o sul recupero di quella esistente, sul posizionamento delle alberature,  sulle ipotesi di mobilità verso Borgo San Frediano. Il confronto proseguirà nei prossimi mesi e verterà sulla valorizzazione e la riqualificazione del sistema delle piazze storiche di Oltrarno a partire da piazza del Cestello.