Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > NOTIZIE DAL TERRITORIO > COSA SUCCEDE SOLO CASA NOSTRA
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook


 

 

 


 

 

A NOVOLI  SCATTA LA NUOVA RACCOLTA DIFFERENZIATA

A Novoli,  nel mese di giugno, comincerà il posizionamento  dei nuovi cassonetti di raccolta rifiuti finalizzati all’incremento della raccolta differenziata. Sono oltre 130 le nuove postazioni di raccolta, ognuna composta da una batteria di 5 nuovi contenitori “up loader”, distinti per materiale da avviare a riciclo e relativo colore: verde per il vetro, marrone per l’organico, giallo per carta e cartone, azzurro per plastica-metalli-tetrapak. Il contenitore grigio è invece destinato alla frazione non riciclabile: la bocchetta di accesso  di quest’ultimo è dotata di una calotta che si apre con la chiavetta elettronica già consegnata a domicilio degli utenti.
Per i residenti di Novoli che ancora non avessero in dotazione la chiavetta elettronica perché risultati assenti durante la fase di distribuzione, Alia e Consiglio di Quartiere 5 hanno predisposto nuovi orari di apertura del punto informativo dove sarà possibile ritirare la propria chiavetta: l’ex Centro Sociale Novoli-Lippi, Viale Guidoni n.178/B, da lunedì 5 giugno sarà infatti aperto dal lunedì al sabato, dalle ore 9 alle 13 e il martedì e giovedì, dalle 14 alle 18.30.

Per maggiori informazioni e dettagli chiamare il Numero Verde Alia 800-330011 (da rete fissa) o il numero 199-163315 (da rete mobile) o consultare il sito web www.aliaspa.it .


LAVORI A TRESPIANO

Prosegue l’intervento di riqualificazione del complesso cimiteriale di Trespiano.
Sono iniziati i lavori sul tetto della sezione di loculi e ossarini a nord est; le sepolture interessate dal rifacimento della copertura sono circa 600 loculi e 600 ossarini per un totale di 1.200 circa. In programma il rifacimento completo dell’impermeabilizzazione del tetto e la pavimentazione sovrastante. Terminati questi lavori, il cantiere si sposterà sul Sacrario dei caduti, per l’eliminazione di tutte le infiltrazioni d’acqua sia dal tetto che dalle scale.
I due cantieri non vengono attuati contemporaneamente per non creare disagio alla viabilità dal momento che saranno istallati dei ponteggi. Infine, l’ultimo intervento previsto riguarderà la rampa di accesso al blocco 14, dove è previsto il rifacimento della pavimentazione con la relativa impermeabilizzazione.

 

IL SISTEMA TRAM SI ESTENDE VERSO CAMPI E SESTO

Un nuovo e decisivo passo avanti nell’ampliamento della rete tranviaria fiorentina è stato compiuto con l’approvazione del bando per progettare l'estensione della linea 2 a Sesto Fiorentino e della linea 4 a Campi Bisenzio. Oggetto del bando di gara “l’affidamento dell’incarico di redazione del progetto di fattibilità tecnica ed economica dell’estensione del sistema tranviario fiorentino nei Comuni di Firenze, Campi Bisenzio e Sesto Fiorentino”. In particolare il soggetto vincitore oltre a redigere il progetto di fattibilità tecnica ed economica dovrà anche fornire il “supporto alla stazione appaltante per la notifica del progetto alla Comunità Europea per l’acquisizione di finanziamenti”. La progettazione prevede tre lotti funzionali distinti: l’estensione della linea 2  dall’aeroporto di Peretola al Polo Scientifico nel Comune di Firenze e Sesto Fiorentino; l’estensione della linea 4  nella tratta dalle Piagge all’abitato di San Donnino nel Comune di Firenze e Campi Bisenzio; l’estensione della linea 4 nella tratta San Donnino-Campi Bisenzio. La scadenza per l’invio delle offerte è fissato per il 22 giugno.


MESSA IN SICUREZZA DI VIA BOLOGNESE

Nel corso di una seduta del consiglio comunale l'assessore alla mobilità Stefano Giorgetti, rispondendo ad alcune interrogazioni, ha espresso la volontà di mettere in sicurezza l'incrocio tra via Bolognese Nuova, via Bolognese Vecchia e via Massoni. La situazione di pericolosità si è creata dopo la posa di una porta telematica a protezione della corsia preferenziale in direzione di Firenze, spesso "bypassata" da automobilisti indisciplinati che la aggirano immettendosi sulla Bolognese contromano.

 

SPORTELLO SICUREZZA ALL’OSMANNORO

La sicurezza urbana passa anche attraverso iniziative che favoriscono la coesione sociale contrastando i fenomeni di marginalità e degrado. A questo punta il protocollo presentato in Regione che coinvolge  i Comuni di Firenze, Sesto Fiorentino, Campi Bisenzio e l’Asl Toscana Centro ed è centrato sulla zona dell’Osmannoro.
L'intesa si concretizzerà nell’apertura di uno sportello capace di dare risposte precise ai servizi che riguardano i cittadini, le imprese e la Asl, con un coordinamento tra più soggetti che agiscono su questa area. L'obiettivo è quello di aprire lo sportello entro luglio.

 

I TIGLI DI VIA VESPUCCI

Diciannove tigli sono stati rimossi in via dei Vespucci dopo che sono pervenuti i risultati dei controlli sulle condizioni di stabilità degli alberi. Gli esami si erano resi necessari dopo la caduta di una pianta in occasione della burrasca di vento che ha colpito la zona ovest della città.
Il filare è costituito da circa cinquanta piante di tiglio di età diversa, disposte all’interno di un’aiuola di modeste dimensioni, collocata fra la strada e la pista ciclabile che si snoda da Via Pistoiese fino all’incrocio con Via San Biagio a Petriolo.
La valutazione delle condizioni fitostatiche delle piante, eseguita da professionista specializzato, è stata accompagnata da approfondite indagini strumentali estese al colletto, la zona di passaggio tra il fusto e le radici, e agli apparati radicali, per accertarne l’integrità. A seguito delle verifiche, per 19 alberi sono state riscontrate estese cavità al colletto e gravi deficit strutturali e meccanici degli apparati radicali. Queste carenze strutturali hanno determinato la classificazione delle piante in classe “D” (estrema) di propensione al cedimento e ne hanno resa necessaria la rimozione.
I tigli rimossi saranno sostituiti nella stagione agronomicamente favorevole, sulla base di un progetto che gli uffici comunali stanno già elaborando allo scopo di ricostituire e rinnovare il filare alberato.