Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > EDITORIALE > UN PATTO CON I CITTADINI PER LA GESTIONE DEI BENI COMUNI
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 

 

In arrivo un nuovo regolamento nella gestione dei beni comuni della città. Il regolamento si applicherà a tutti i settori dell’amministrazione (cultura, sport,  scuola, ambiente, urbanistica, servizi sociali) e con la sua adozione permetterà di superare  il regime della 'convenzione', che presuppone una separazione gerarchica tra amministrazione da una parte e cittadino dall'altra, per entrare in una nuova dimensione: il 'patto col cittadino'.
La gestione, valorizzazione o risanamento di un bene comune della città (un giardino pubblico ad esempio, ma anche immobili e altri spazi pubblici) potrà essere proposta direttamente dai cittadini, anche da un singolo cittadino, oltre ad associazioni o comitati, oppure sollecitata dall'amministrazione attraverso appositi bandi.
I processi burocratici saranno estremamente semplificati e i Quartieri rivestiranno in questo un ruolo di primo piano, proprio in virtù della loro insostituibile peculiarità di istituzioni vicine al territorio e ai cittadini.
Il personale del Comune seguirà un apposito percorso formativo per acquisire le nuove procedure.

Il presidente del Q.5, Cristiano Balli, ha così commentato: “E’ uno strumento importante che la Commissione VIII ha condiviso, in fase redigente, anche con i presidenti dei Quartieri. Il nuovo regolamento costituisce un’importante cornice di riferimento per rendere ordinati e più semplici i rapporti fra Amministrazione e cittadini, con l’intento di concorrere a custodire e animare spazi pubblici costruendo insieme opportunità di servizio e collaborazioni”.
L'esame nelle commissioni consiliari della bozza di regolamento proseguirà fino al 15 giugno, con l'obiettivo di portarne la versione definitiva all’approvazione del consiglio comunale entro luglio.