Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere1 > Cosa succede sotto casa nostra > COSA SUCCEDE SOTTO CASA NOSTRA
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

180 NUOVI ALBERI SUI VIALI DI CIRCONVALLAZIONE

Varata la piantumazione di 180 nuovi alberi sui viali di circonvallazione per un investimento di 274mila euro. Partiranno nel 2017 i lavori per la sostituzione delle piante malate, e il reintegro di quelle andate perdute coinvolgendo  viale Amendola, viale Giovine Italia, viale Gramsci, piazzale Donatello, viale Matteotti, piazza della Libertà, viale Lavagnini e viale Strozzi.
L’obiettivo è innanzi tutto l’accrescimento delle condizioni di sicurezza delle alberature stradali e il ripristino della loro integrità con la messa a dimora di nuove piante in sostituzione sia di quelle perdute nel tempo che di quelle fonte di rischio eccessivo.
L’analisi dello stato di conservazione in cui si trovano gli alberi in filare dei viali, effettuata seguendo il protocollo di valutazione della stabilità della International Society of Arboriculture (la cosiddetta Vta, Visual tree assessment), inserisce una parte di questi alberi nella classe di pericolosità moderata (classe C). La combinazione di due fattori, precario stato di salute delle piante e localizzazione in zone molto frequentate,  ha indotto a considerare opportuna la sostituzione degli alberi che, inseriti all'interno della classe di pericolosità moderata, presentano una situazione talmente compromessa da non considerare possibile un loro mantenimento. Il progetto prevede la rimozione di tutte le ceppaie esistenti, l'individuazione di tutti i siti liberi in cui in passato erano presenti alberi, la rimozione delle piante selezionate e la messa a dimora di nuove della stessa specie per ricostituire i filari nella loro interezza. Nel caso di reimpianto di specie attualmente sensibili agli attacchi di patogeni che ne compromettono la vitalità, in particolare il platano, saranno impiegati cloni resistenti.
I lavori dureranno circa tre mesi e i 180 nuovi alberi appartengono a 3 specie: tigli, platani, bagolari.

NOVE ALBERGHI PER GLI INSETTI ALLE CASCINE

Il 12 settembre di quest’anno alcuni vandali hanno dato fuoco alla bugs hotel, l’albergo per gli insetti, installato nel Parco delle Cascine. Ma il progetto non si è certo fermato e, grazie al contributo di uno sponsor importante come Esselunga, ha acquista nuovo slancio. Infatti a fine dicembre sono stati inaugurati altre nove strutture simili  realizzate da ragazzi con precedenti penali, seguiti dal Centro di giustizia minorile. Questa volta infatti i ragazzi hanno ricevuto un autentico contributo, sotto forma di borse lavoro. Quanto alla struttura distrutta, non è stata volutamente rimossa, a ricordo e monito di quanto accaduto.

ARIA NUOVA PER  GLI IMPIANTI SPORTIVI  DI CARRAIA

Gli impianti sportivi Carraia si rinnovano con la realizzazione di più servizi e una riqualificazione complessiva dell’area verde circostante. È quanto prevede la convenzione per la compensazione del carico urbanistico che ha avuto il via libera della Giunta di Palazzo Vecchio.
“Un ampliamento di dimensioni contenute – ha detto l’assessore all’Urbanistica Lorenzo Perra – ma che consentirà di mantenere attivo l’impianto, riqualificare gli spazi verdi e l’area antistante, inclusa la realizzazione di una nuova illuminazione”.
Il complesso immobiliare interessa il circolo di tennis La Carraia, situato in fondo a via Erta Canina nuova, ed è costituito da due campi da tennis in terra rossa e uno in erba sintetica polivalente (tennis/calcetto). L’ampliamento dell’offerta dei servizi prevede la realizzazione di ulteriori campi da tennis, oltre che di nuovi locali di servizio seminterrati. L’intervento è soggetto a prescrizioni come la sistemazione del pendio soprastante l’impianto, la realizzazione di un'area ad alta dotazione ecologica nella parte superiore del pendio, la sistemazione dell’area pubblica antistante l'ingresso degli impianti sportivi, l’attenzione alla progettazione del sistema d'illuminazione tenendo conto del contesto di pregio in cui si inserisce e la particolare cura nell'eliminazione delle situazioni di degrado in ogni parte dell'impianto. La delibera dovrà essere discussa dal Consiglio comunale per l’approvazione