Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere1 > Scuola e Territorio > COME CAMBIA LA FORTEZZA DA BASSO
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 

 

Via libera della Giunta Comunale al progetto definitivo per il restauro e la valorizzazione del "sistema Fortezza da Basso". Un intervento da oltre 142milioni di euro che riguarda l’incremento delle dotazioni fieristico-congressuali con la demolizione e ricostruzione del padiglione Cavaniglia, per realizzare una nuova struttura capace di accogliere fino a 5 mila visitatori; il consolidamento strutturale del padiglione Spadolini, per conservarne l’enorme potenzialità espositiva di circa 27 mila metri quadrati; la realizzazione di un nuovo padiglione espositivo (il Bellavista), per incrementare la superficie utile del complesso secondo le previsioni urbanistiche; il recupero e l’implementazione del padiglione Imperiale e del padiglione Ronda.
Tutte le nuove architetture di progetto ricostituiscono morfologicamente i bastioni perduti nel corso del tempo e sono ispirate al confronto con il monumento cinquecentesco recuperando il disegno e la composizione formale della cortina difensiva ideata dal Sangallo.
Gli interventi in ambito monumentale hanno previsto anche la creazione di un percorso turistico-museale aereo che permetta di accedere al camminamento di ronda posto sulla sommità della cortina muraria, dal quale sarà possibile percorrere buona parte del perimetro dell’intera Fortezza e visitare le cannoniere residue e la suggestiva galleria ipogea ‘di contromina’. Per la redazione del progetto è stato necessario elaborare studi botanici che hanno permesso di individuare ed eliminare la vegetazione infestante che aveva totalmente ostruito i bastioni Bellavista e Rastriglia.
Il progetto si è anche avvalso di uno studio sui flussi fieristici che ha permesso di fornire nuove indicazioni sulla destinazione dell’intero piazzale Montelungo (lato ferrovia della Fortezza) a parcheggio scambiatore per le merci in transito da e per la Fortezza.