Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > SE CI PASSI FERMATI > VILLA CORSINI
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 

 

 

   

Foto di Massimo Lombardi

 

Villa Corsini, posta a metà della salita che porta alla più famosa villa della Petraia, fu, come quest’ultima, proprietà di Palla Strozzi, il quale, condannato all’esilio, la cedette alla famiglia Rinieri nella prima metà del Quattrocento. Con loro l’orto e il frutteto divennero un vero giardino all’italiana ad opera del Tribolo, lo stesso architetto che si occupò nel Cinquecento della Villa medicea di Castello e del giardino di Boboli. L’edificio signorile e la colonica furono inoltre annessi in un’unica facciata. La villa passò di proprietà in proprietà – tra cui quella dei Medici, seppur per un breve periodo – fino all’acquisizione nel 1697 da parte di Filippo Corsini, consigliere del Granduca Cosimo III de’Medici. Si occupò della ristrutturazione Giovan Battista Foggini, già architetto e scultore granducale, che le diede l’impronta barocca che oggi possiamo ammirare nel balcone che ospita lo stemma della famiglia Corsini e nel grande orologio. Il giardino fu suddiviso secondo lo stile mediceo ormai di moda all’epoca: l’ambiente selvatico a nord, l’esedra con le Quattro Stagioni ad est e il giardino di fiori geometrico a sud. Furono mantenuti vigneto e oliveto. La villa rimase in possesso della famiglia Corsini fino alla metà del Novecento e oggi fa parte della Soprintendenza Speciale per il Polo Museale Fiorentino. Nel 2010 si sono conclusi i lavori di restauro dell’edificio, che hanno permesso il rifacimento della facciata e di buona parte degli ambienti interni. Villa Corsini ospita una pregevolissima raccolta di sculture provenienti dalle collezioni medicee: nel salone sono stati collocati alcuni marmi della raccolta del Museo Archeologico; lungo le pareti del cortile, invece, hanno trovato posto numerosi sarcofagi etruschi in nenfro da Tuscania; in altri ambienti del piano terra si è voluto invece recuperare parte della fastosa decorazione di marmi antichi un tempo nel “Ricetto delle Iscrizioni” degli Uffizi, allestito dal Foggini per Cosimo III quale maestoso ingresso alla Galleria. Al primo piano il visitatore potrà invece ripercorrere la millenaria storia della piana fiorentina attraverso un’esposizione permanente di reperti rinvenuti nel territorio.
 

La villa è visitabile a ingresso libero nei seguenti orari:

Da aprile a settembre:
1°-3° venerdì e tutti i sabati di ogni mese dalle ore 14:00 alle ore 18:00
2^ e 4^ domenica di ogni mese dalle ore 9:00 alle ore 14:00

Da  ottobre a marzo:
2^ e 4^ domenica di ogni mese dalle ore 9:00 alle ore 14:00
Poiché quest'anno la quarta domenica del mese, 25 dicembre 2016, coincide con il S. Natale, la Villa sarà aperta al pubblico la seconda e la terza domenica: 11 e 18  dicembre 2016.

 

Ingresso ad ogni ora con visita accompagnata dal personale del museo per max 30 persone, durata circa 60 min.
L'ingresso della villa rimarrà chiuso durante gli intervalli di visita.