Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere 5 > SE CI PASSI FERMATI > LA CHIESA DI S. MARIA A PERETOLA
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Preceduta da un porticato a cinque campate con colonne di pietra serena, la chiesa di S. Maria a Peretola risale all'epoca romanica (XII secolo), ma la sua struttura e i suoi tesori artistici sono da attribuire a epoche diverse. L'ultimo restauro è del 1888 - poco prima che fosse collocato nella piazza antistante il monumento di bronzo di Giuseppe Garibaldi ad opera di Antonio Garella (1895) - quando la facciata è tornata ad avere un aspetto quattrocentesco. Risalente al secolo XIV è l'affresco staccato, frammentario, con Cristo in pietà, mentre al XV secolo risalgono il fonte battesimale di marmo, opera di Francesco di Simone Ferrucci, commissionato nel 1466, il ciborio, anch'esso marmoreo, con coronamento e base di terracotta invetriata, opera di Luca della Robbia, inizialmente destinato alla chiesa di S. Egidio dell'Ospedale di S. Maria Nuova, e gli affreschi di Domenico di Michelino raffiguranti S. Leonardo, S. Lucia e S. Caterina, racchiusi in una particolare nicchia ogivale. La pianta prevede un'unica navata con abside quadrangolare coperta, da una volta a crociera sotto la quale è posto un crocifisso ligneo di fine XVI secolo.