Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Biblioteche Comunali Fiorentine > La biblioteca si racconta > Notizie dalla Biblioteca delle Oblate
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook
 

 

 


La Biblioteca delle Oblate, inaugurata il 25 maggio 2007, si trova nel cuore di Firenze, nell’ex convento trecentesco delle Oblate da cui prende il nome, a due passi dal Duomo. La congregazione delle Oblate, istituita da Folco Portinari e dalla sua nutrice Monna Tessa, operante nell'antistante ospedale di Santa Maria Nuova, era dedita all'assistenza delle malate e ad una serie di attività necessarie a tutte la struttura ospedaliera.
 



Il complesso edilizio delle Oblate si articola intorno a due spazi aperti principali, il cortile trecentesco ed il giardino della metà del Quattrocento.



Al piano terra, la Sala Accoglienza, recentemente inaugurata insieme alla Sala Conferenze, costituisce il punto informativo sui servizi e le numerose attività culturali organizzate dalla biblioteca. La Sala Accoglienza ospita un affresco di Michele di Ridolfo del Ghirlandaio della seconda metà del Cinquecento, originariamente situato entro il lunettone sopra i battenti della Porta al Prato, mentre la Sala Conferenze accoglie le copie a grandezza naturale degli affreschi della Porta San Niccolò e della Porta San Gallo.



        
 

La Sezione Bambini e Ragazzi occupa uno spazio di circa 300 mq al piano terra appositamente studiato per i bambini e ragazzi dagli 0 ai 14 anni e i loro accompagnatori.



Ogni area è caratterizzata in base all'età a cui è rivolta ed è divisa dalle altre con scaffali e arredi.


  

Un piccolo anfiteatro individua l'area del racconto destinata alle animazioni e alle letture ad alta voce mentre per maggiore comodità delle famiglie è a disposizione il Baby Pit Stop, un'area di sosta per fare il pieno di latte e cambiare il pannolino.
 

 

La Sezione di Conservazione e Storia locale ospita il patrimonio della Biblioteca Comunale Centrale che ha avuto sede nel complesso dal 1953 al 2007, oltre ad importanti lasciti e donazioni e alla documentazione relativa alla storia, culturale, politica e amministrativa di Firenze.
 


 

L’Emeroteca, intitolata alla scrittrice fiorentina Joyce Lussu, è dedicata alla consultazione dei quotidiani italiani e stranieri e dei periodici di informazione e di divulgazione. La sala è situata nei locali che un tempo ospitavano i lavatoi, come documentano le vasche tuttora presenti al suo interno. In emeroteca è presente una postazione per la lettura dotata di ausili speciali dedicata a utenti con disabilità.
 

   
 

Il primo piano racchiude i materiali della Sezione contemporanea relativi alle discipline umanistiche, oltre che la letteratura di viaggio e le guide turistiche, i film in dvd, i cd musicali e i materiali per lo svago e il tempo libero. Le aree tematiche nelle quali sono disposti i volumi sono contrassegnate ciascuna da un colore diverso allo scopo di facilitarne l’identificazione.
Al secondo piano, l’ampia e luminosa sala di lettura impreziosita da affresco di Annunciazione del XV secolo, ospita le collezioni relative all'area scientifica e tecnica, oltre allo scaffale dedicato alla collaborazione con l’Orto Botanico del Museo di Storia Naturale dell’Università di Firenze.


 

La Caffetteria, dalla quale si gode una meravigliosa vista sulla Cupola del Duomo, è pensata per rendere più piacevole il soggiorno in biblioteca.

 

    
 

In Biblioteca è possibile prendere in prestito libri, cd e dvd, audiolibri, guide turistiche, riviste e fumetti, consultare il materiale della Sezione di Conservazione e Storia locale, curiosare tra le novità e le rassegne bibliografiche, partecipare a visite guidate, navigare su Internet e sul portale Medialibraryonline.

Grazie al volontariato la Biblioteca offre il servizio di prestito in corsia e di letture ad alta voce presso l’Ospedale di Santa Maria Nuova con il progetto regionale “Un libro, un volontario per amico”. In Biblioteca operano i volontari dell’Associazione Conoscere Firenze che collaborano all’apertura serale delle sale di lettura e supportano la realizzazione di manifestazioni finalizzate alla conoscenza e alla valorizzazione del patrimonio della Biblioteca.

La Biblioteca delle Oblate promuove ed ospita, all’interno del progetto “Oblate e la città” attività e laboratori in collaborazione con la Fondazione Palazzo Strozzi, il Museo Galileo, l’Università degli Studi di Firenze, l’Orto Botanico e il Maggio Musicale Fiorentino.

Molte sono le offerte e le proposte pensate per i giovani lettori con i consigli di lettura della Sezione Oblateen (al primo piano), i Campus estivi, i laboratori teatrali e di lettura ad alta voce.

La biblioteca organizza corsi di alfabetizzazione informatica e partecipa al progetto "Pc over 60" dove ad insegnare agli anziani sono gli studenti delle scuole, coordinati da un tutor, allo scopo di ridurre il divario generazionale e digitale tra giovani e anziani.

www.biblioteche.comune.fi.it/biblioteca_delle_oblate