Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere4 > NOTIZIE DI PUBBLICA UTILITA' > SALUTE NEWS
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

A CASA SUBITO DOPO IL PARTO

 

Di solito, dopo il parto, mamme e neonati restano in ospedale almeno 48 ore prima di far rientro a casa. All’Ospedale San Giovanni di Dio a Torregalli adesso è possibile lasciare l’ospedale e tornare alla propria abitazione poche ore dopo la nascita.
L’Azienda sanitaria di Firenze ha infatti dato il via a un percorso assistenziale chiamato “dimissione precoce”, col quale, se mamma e neonato stanno bene e sono rispettate alcune condizioni organizzative, già dopo 6/24 ore si può far rientro in famiglia, fra le persone care, con gli appuntamenti già predisposti dei controlli (una prima visita a domicilio, una seconda in ospedale)
per garantire il benessere di mamma e bambino.
La proposta è rivolta per il momento a donne che abbiano già avuto almeno un parto e senza precedenti ostetrico/neonatologici negativi, con una gravidanza giunta al termine fra le 37 e le 42 settimane, e con decorso normale del parto e nelle 2 ore dopo il parto.
Se questo percorso è condiviso  i genitori firmano il “consenso informato” mentre ostetrica e pediatra forniscono i recapiti telefonici cui possono rivolgersi 24 ore su 24 in caso di dubbi sulla salute della madre o del neonato.

MENINGITE C,  COME VACCINARSI

 

I due casi recenti di meningite da meningococco C (in Versilia e a Pisa)  hanno riproposto all’attenzione l’opportunità di vaccinarsi.
Ricordiamo che allo stato attuale in Toscana sono stati registrati 31 casi di meningite (26 da meningococco C, 3 da meningococco B, 1 del ceppo W e 1 non noto) con 6 decessi.
Dall'inizio della campagna straordinaria di vaccinazione sono state effettuate in regione  oltre 130.000 vaccinazioni nella fascia di età dagli 11 ai 45 anni.
Sul sito della Regione, all'indirizzo www.regione.toscana.it/-/campagna-contro-il-meningococco-c si possono trovare tutte le notizie utili per prevenire la diffusione del meningococco C.
Si ricorda inoltre che, oltre che nei servizi di igiene e sanità pubblica territoriale, è possibile vaccinarsi anche presso medici e pediatri di famiglia, secondo le modalità organizzative predisposte da ciascuna Asl.

La vaccinazione, con vaccino antimeningococcico tetravalente ACWY, è offerta gratuitamente:
1) a tutti i ragazzi di età compresa tra 11 e 20 anni, anche se mai vaccinati o già vaccinati nell'infanzia (ogni Asl ha predisposto le modalità per offrire attivamente la vaccinazione es. a chiamata diretta, tramite scuola o altro);
2) alle persone entrate in contatto con soggetti risultati affetti da meningococco C;
3) alle persone nella fascia di età 21-45 anni che hanno frequentato la stessa comunità dei malati nei 10 giorni precedenti l'inizio dei sintomi, con contatto stretto o regolare;
4) ai residenti nel territorio delle Asl che hanno registrato un caso di meningite da meningococco C (per tutto l'anno 2015 e su richiesta dell'interessato).