Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere4 > Primo piano > PIAZZA PIER VETTORI, VOGLIA DI VOLTARE PAGINA
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

Le piazze sono da sempre le protagoniste della vita civile del quartiere. Proprio mentre sta per essere presentato il progetto per piazza dell’Isolotto è ora il turno di un’altra piazza del Q.4 che da tempo attende una riqualificazione. Parliamo di Piazza Pier Vettori, una sorta di snodo tra il sud-ovest fiorentino e l’Oltrarno oltre che una porta di ingresso verso il viale dei Colli. Posta in una magnifica posizione ai piedi di Monte Oliveto e a poche centinaia di metri da Porta San Frediano, la piazza ha pagato pesantemente pegno alla sua collocazione strategica nell’ambito della viabilità cittadina, trasformandosi in un perenne circolo di traffico al cui interno si sono spesso sviluppate forme di degrado e di abuso cresciute all’ombra di spazi interclusi. Da un’esigenza profonda di libertà e di riconquista di uno spazio pubblico nasce  il percorso partecipativo “Piazza Libera Tutti – Insieme per Piazza Pier Vettori” promosso dall’Associazione Save The City Onlus e finanziato dalla Regione Toscana tramite l’Autorità Regionale per la Partecipazione. Il progetto si pone il duplice obiettivo di riqualificare Piazza Pier Vettori e di attivare nei frequentatori forme di responsabilità e di cittadinanza attiva  stimolando modalità di co-gestione tra cittadini e amministrazione comunale. Il primo passo del percorso (http://open.toscana.it/web/piazzaliberatutti/home) consiste nel ricostruire i bisogni e le aspettative dei frequentatori. Per questo si è scelto di organizzare, tra le altre attività, un laboratorio fotografico che permetta di raccogliere i diversi punti di vista di chi abita e frequenta quotidianamente questa zona. Si tratta di un laboratorio sperimentale tra la sociologia e la fotografia: gli abitanti, supportati da una sociologa e un fotografo sociale, potranno costruire e proporre, attraverso immagini fotografiche e interviste, la propria visione di un “buono spazio pubblico”.
Il laboratorio è aperto a 15 abitanti, lavoratori o semplici frequentatori della zona. Non sono necessarie conoscenze specifiche in ambito fotografico e l’attività può essere svolta con una qualsiasi macchina fotografica, inclusi gli smartphone.

Ma questo è solo il primo passo perchè sono in programma ulteriori iniziative: 1) una festa organizzata dal Quartiere insieme ai cittadini, ai commercianti e alle associazioni della zona sabato 23 maggio dalle 15 alle 19; 2) un incontro per la progettazione della piazza, organizzato da Save the City e Sociolab il 27 maggio dalle 17 alle 20, con laboratori anche per bambini

 

Info: ufficiostampa@savethecity.it