Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Quartiere4 > Lavori del Consiglio > APPROVATA UNA MOZIONE SULLA ORGANIZZAZIONE POMERIDIANA DELLE MATERNE COMUNALI
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

La decisione dell’amministrazione comunale di affidare a soggetti esterni la gestione del turno pomeridiano delle materne comunali ha provocato, come è noto, una intensa mobilitazione dei docenti e delle famiglie coinvolgendo anche i dipendenti delle cooperative chiamate a svolgere tale delicata funzione. Ne è scaturito un vivacissimo dibattito sul ruolo della scuola dell’infanzia e sul rapporto tra istruzione pubblica e privata che è approdato il 21 aprile anche nel Consiglio di Quartiere 4, portando alla formulazione di una mozione approvata a maggioranza.
Nel documento il Q.4 prende atto che i vincoli di bilancio non consentono di procedere all’assunzione di personale e dunque alla gestione diretta del servizio ma sottolinea anche “il successo del modello educativo fin qui consolidato che ha reso la scuole dell’infanzia comunale fiorentina un punto di riferimento in Italia”.
Alla luce di questa doppia considerazione il Q.4 rivolge all’amministrazione una serie di richieste  allo scopo di garantire la qualità del servizio educativo ‘esternalizzato’ e di mantenere uno stretto controllo pubblico su una materia così nevralgica come la formazione dei nostri bambini.
In particolare si richiede “di assicurare che il personale dei soggetti aggiudicatori dell’appalto… sia composto da insegnanti abilitati con un alto livello professionale e che il servizio garantisca inoltre la continuità educativa e la compresenza per ora di pranzo, avvio scolastico, inserimenti”.
Sempre per salvaguardare la qualità del servizio e la dignità professionale di chi è chiamato a svolgerlo la mozione invita a “ridurre al minimo il valore del ribasso d‘asta e scorporare comunque il costo del lavoro in modo che sia incomprimibile sotto i livelli riferiti ai contratti nazionali degli insegnanti”. Altre richieste riguardano il monitoraggio costante dell’operato dei soggetti aggiudicatari dell’appalto e la valorizzazione dell’offerta formativa pomeridiana con l’inserimento di attività come lingua straniera, psicomotricità e propedeutica musicale. Un ulteriore aspetto evidenziato dalla mozione è quello relativo al coinvolgimento e alla partecipazione attiva delle famiglie, dei sindacati e delle istituzioni locali come gli stessi consigli di quartiere.
La mozione si conclude con una richiesta di “procedere immediatamente alla definizione di un piano che sia in grado di garantire in futuro il mantenimento di un modello educativo e didattico costituito da personale interamente pubblico e a tempo indeterminato avviando in particolare un percorso programmatico e un protocollo col Ministero dell’Istruzione dell’Università e della Ricerca, al fine di costruire una prospettiva di statalizzazione delle sezioni delle scuola dell’infanzia comunale”.