Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Firenze, promozione e sviluppo > Primo piano > POSTER FOR TOMORROW, A HOME FOR EVERYONE - A PLACE TO LIVE NOT TO SLEEP
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook




La Mostra, che ospita i cento migliori posters del Concorso annuale Poster For Tomorrow, A Home For Everyone – A Place To Live Not To Sleep, è promossa dal Laboratorio della Sostenibilità del Dipartimento di Architettura dell’Università degli Studi di Firenze, in collaborazione con il Parco Urbano dell’Innovazione del Le Murate, 4Tomorrow Association e il Polo CENTO – MATREC (Polo di Competenza per i sistemi interni - archivio per i materiali sostenibili).

Poster For Tomorrow è un progetto di 4Tomorrow Association, ente non governativo non profit, con sede a Parigi che, ogni anno bandisce un Concorso Internazionale sul un tema dei Diritti Umani a cui partecipano migliaia di designers, da tutto il mondo, inviando i loro Posters, fra cui vengono selezionati, da una qualificata giuria internazionale, le cento migliori opere, che vengono poi esposte alla sede de Les Arts Decoratifs di Parigi (nel 2013, dal 5 all’8 dicembre).

Il tema per l’anno 2013 era appunto A Home for Everyone – A place to Live not to Sleep.

I dieci migliori deisgners selezionati e ospitati nella Mostra a Les Arts Decoratifs sono stati:

  1. Diego Becas, della Repubblica del Cile,
  2. Mark Bohle, della Repubblica Federale di Germania,
  3. Prim Bunsopis, del Regno di Thailandia,
  4. Priscilla Dos Santos, del Regno del Belgio,
  5. Matthew Gribben, della Repubblica degli Stati Uniti d’America,
  6. Tien Le, della Repubblica degli Stati Uniti d’America,
  7. Alice Leary, della Repubblica Francese,
  8. Daniel Leblanc, del Canada,
  9. Moises Romero, Repubblica degli Stati Uniti del Messico,
  10. Joghyun You, Jaemin Lee, Sarah Chung, della Repubblica di Corea.


Nato come un Concorso annuale di grafica, oggi, dopo 5 anni,  4Tomorrow Association  organizza workshops, conferenze, seminari e campagne per la libertà di espressione, l'abolizione della pena di morte, il diritto all'educazione e l'uguaglianza tra uomini e donne.

Grazie alle sue attività e a i suoi progetti, 4Tomorrow Association ha ricevuto il sostegno dell’United Nations Democracy Fund e di altri ancora.

Alla base di Poster for Tomorrow c’è proprio l’idea che  la comunicazione grafica possa sollecitare una riflessione ed un’azione al cambiamento che un poster, che viene esposto su un muro o pubblicato su internet, possa spingere qualcuno a fermarsi, a prendere coscienza di un'ingiustizia ed a fare qualcosa per farla finire.

“Casa” ha un significato differente per ciascuno di noi.

È il luogo in cui siamo cresciuti, è il luogo in cui viviamo, è il luogo dove andiamo a riposarci, o per incontrare le persone care o gli amici alla fine della giornata.

Ma per troppe persone, la “Casa” resta ancora un sogno lontano, uno spazio al quale esse aspirano, mentre cercano di sopravvivere in condizioni di habitat insalubre, oppure dormono per le strade perché non hanno un posto dove andare. Potrebbe e dovrebbe essere diverso.

L'Organizzazione delle Nazioni Unite ha sottolineato che il diritto ad un alloggio dignitoso fa parte integrante dei diritti dell'uomo.

Un alloggio non è solamente un luogo dove proteggersi dalle intemperie, ma un luogo per vivere in sicurezza, in pace e con dignità e per affermare questo diritto umano fondamentale Poster 4Tomorrow ha lanciato, lo scorso anno, la campagna per il diritto universale alla casa.

“Casa”  è qualcosa più di un tetto e quattro mura.

Per le milioni di persone che vivono nelle bidonville, in rifugi temporanei o per le strade, “Casa”  rappresenta il futuro, l'occasione di rompere il cerchio dei “senza-casa”, di sfuggire alla povertà, di divenire membro, a tutti gli effetti, della Società e di vivere una vita normale, libera dall'angoscia di non sapere dove dormire e dai pericoli che essa comporta.

Le ragioni per cui una persona è senza “Casa”  o vive in condizioni non dignitose sono molte: povertà, disgrazie, malattie mentali, espulsione, esilio, assenza di accesso all'alloggio, problemi relazionali, violenza domestica; ciononostante, sia che le cause siano carattere personale o di carattere socio-economico, esiste un’unica soluzione: una “Casa”.

Poco importa la ragione per cui alcuni sono senza alloggio. Ciò che importa è che tutti hanno diritto ad una casa ed alla possibilità che questa rappresenta per costruire una nuova vita.

La Mostra è particolarmente importante anche per la città di Firenze, in quanto affronta un tema di particolare attualità, come quello del Diritto alla Casa  e offre l’opportunità di affrontare tematiche sostanziali quali il social housing e i nuovi scenari dell’abitare (dal co-housing, alla riabilitazione sostenibile di edifici a scopo di abitazione sociale).

Il complesso de Le Murate, in questo senso, costituisce uno dei migliori esempi di riabilitazione urbana, non solo per quanto riguarda i singoli edifici, in parte, per altro, destinati al social housing, ma soprattutto per aver reso più dinamico e riqualificato un intero quartiere storico della città di Firenze.
 

~~~~~~~~~~~~~~~~~~~~

COMPOSIZIONE DELLA GIURIA INTERNAZIONALE

 

Antoine Abi-Aad (LBN)
Nel 2000, Antoine ha ottenuto il suo Diploma in Pubblicità all'Accademia di Belle Arti Libanese (ALBA). Poi si è recato in Giappone nel 20012 dove ha studiato all'Università di Tsukuba: ha terminato nel 2004 un Master in Visual Communication Design, nel 2007, ha ottenuto il suo Dottorato in Scienze Umane Integrali, Arte e Design e dopo un anno di reicerca postodottorale, è rientrato in Libano nel 2008.

Noma Bar (ISR)
Descrivendo il suo lavoro di Comunicazione Visiva, Noma dichiara di essere “alla ricerca di una comunicazione massima con un minimo di elementi”. I suoi due libri The Many Faces of Noma Bar e Negative Space sono diventati un Must per l'industria del design. Il lavoro di Noma gli ha fatto vincere numerosi premi dell'industria, e di recente il prestigioso Yellow Pencil al D&AD Awards 2012.

Michel Bouvet (FRA)
Uno dei più grandi nella creazione di poster in Franzia. Il suo lavoro è dominato dal desiderio di counicare efficacemente con immagini comprensibili da tutte le generazioni. Bouvet ricerca un linguaggio semplice e universale che costituisce il ragionevole compromesso  tra comunicazione ed estetica

Marisa Gallen (ESP)
Grafica diplomata alla Scuola di Belle Arti. Marisa dirige attualmente l'Estudio Marisa Gallen. Presiede  l’Association des Designers de Valence ed è stata segretaria generale della Fédération Espagnole des Associations de Design. IL suo lavoro è stato pubblicato in riviste di design spagnole ed internazionali.Nel 2011, ha ricevuto il premio Art Directors Club di Valenza e nel 2012, ha ricevuto un Laus.

Ayse Karamustafa (TUR)
Grafica, vive e lavora ad Istanbul. Dal 2000 lavora nello studio di design familiare Karamustafa Tasarim con suo padre, il grafico Sadik Karamustafa. Tra il 2008 e il 2012 è stata membro del consiglio di amministrazione e segretaria generale della Società Turca di Grafic Design.

Anette Lenz (DEU)
Dopo gli studi a Monaco, Anette si è trasferita a Parigi nel 1990, dove ha lavorato con Alex Jordan nel famoso gruppo di design politico-culturale Grapus. Ha aperto un suo studio nel 1993, lavorando nel campo sociale e culturale.  Anette ha vinto, fra gli altri premi, la medaglia d'oro alla Biennale di Brno 2002, il Premio d'onore a Lahti, nel 2003, oltre al  Plakatkunsthof Rüttenscheidpreis nel 2005.

Alain Le Quernec (FRA)
Membro dell'AGI, lavora a Quimper dal 1972. Ha preso parte ai più importanti eventi internazionali nel campo della progettazione grafica come conferenziere, insegnate o membro di giurie. Le sue opere fanno parte delle collezioni dei più grandi musei e istituzioni dedicate al design dei poster in Francia e all'estero.

Rico Lins (BRA)
Nato nel 1955 a Rio de Janeiro, in Brésil. Dirige il proprio studio di creazione a São Paulo. Il suo lavoro è stato pubblicato, esposto e collezionato in numerosi musei nel mondo. Nel 2009 ha tenuto una retrospettiva itinerante “Rico Lins: Graphic Borderlines”. Rico è staot nominato il miglior grafico brasiliano nel 2001 ed è membro dell AGI dal 1997.

Michel Olivier (FRA)
Ancora studente, incontra Armin Hoffman, Wolfgang Weingart, Johannes Burla et Maria Vieira. Oggi insegna a Parigi a l’Intuit.Lab ed al Strate College Designers. Il suo lavoro è staot presentato negli annuari 1992 2 2000 del TDC di New York e alla 16ma Biennale di Brno Graphic Design.

Lena Sandö (SWE)
Direttore artistico per l'identità visiva e graphic Design. Titolare di un Master in Graphic Deisgn all'ESDI a Parigi, specializzato nell'identita del marchio e nlla progettazione grafica di prodotto. Insegna tipografia a  Intuit.lab Paris e conduce molteplici Workshop di grafica e illustrazione.

Teresa Sdralevich (BEL)
Grafica, illustratrice e serigrafista, nata in Italia nel 1969. Nel suo lavoro, la Sdralevich affronta  temi sociali, politici e culturali ed il suo mezzo preferito è ancora il poster, sia autoprodotto e distribuito nelle città cia prodotto e distribuito su grande scala. Negli utlimi anni ha condotto numerosi workshop con studenti e bambini.

Annik Troxler (CH)
Nata a Willisau nel 1979. Dopo gli studi in graphic Design a l’ECAL, si è trasferita a Bâle. I suoi poster sono stati selezionati dal Type Directors Club di New York e Tokyo, le Biennali del poster di Brno e Téhéran, il Golden Bee Moscou efra i 100 migliori poster di Germania, Svizzera e Austria. Nel 2008, ha vinto il primo premio al Festival International de l’Affiche à Chaumont, France.

Agnieszka Ziemiszewska (POL)
Diplomata con lode al dipartimento di grafica e pittura dell'Accademia di Belle Arti di Lodz. Lavora come graifca da diversi anni, concentrandosi negli ultimi anni sulle tematiche sociali e le azioni in spazi pubblici. Ha partecipato a numerosi concorsi ed esposizioni prestigiose in Polonia e all'estero.  Agnieszka lavora attualmente alla sua tesi di dottorato all'Accademia di Belle Arti di Varsavia.