Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Firenze Sport > Editoriale > Verso la chiusura di "Firenze citta' Europea dello Sport 2012"
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

 

Cari amici,

ci avviamo alla fine di questo 2012, con una serie eventi che ci fanno chiudere alla grande l’anno di “Firenze Città europea dello sport”. Per un bilancio definitivo vi rimando all’ultima newsletter che ci servirà anche per gli auguri natalizi. Per intanto voglio evidenziare due grandi appuntamenti in programma nel fine settimana del 24 e del 25 novembre (il dettaglio negli articoli più sotto). Il Cariparma Test Match di rugby fra Italia e Australia allo stadio Franchi e la Firenze Marathon rappresentano da un lato due grandi eventi dallo straordinario valore sportivo, ma anche un volano per l’economia della città. I numeri ci dicono che fra gli iscritti alla maratona (10.000), gli accompagnatori (si calcola una media di una persona e mezzo ogni iscritto) e gli sportivi che assisteranno alla partita di rugby (almeno 25.000 provenienti da fuori città) saranno oltre 50.000 le persone che faranno tappa a Firenze con evidente beneficio per il commercio, le attività ricettive e di ristorazione, i servizi, in un periodo tradizione di “bassa” dal punto di vista turistico. La massima espressione di questo concetto – con importanti benefici stimati sia in termini di volume d’affari che di posti di lavoro – l’avremo nel prossimo settembre con i mondiali di ciclismo. Un’ulteriore conferma della polivalente funzione dello sport.
E a tal proposito voglio agganciarmi – e non è una forzatura – al felice momento della Fiorentina. Non voglio inserirmi nel dibattito sull’aspetto tecnico e su come la squadra di Montella sia riuscita a riportare entusiasmo (e gente allo stadio), a far divertire, ad attirare su se stessa critiche positive e accendere i riflettori dei media nazionali. Dico solo che l’Europa non è un più un tabù. Certo che il cammino è ancora lungo e difficile, ma la Fiorentina ha dimostrato che c’è. Partecipare a una competizione continentale significa, oltre al prestigio di solcare certi palcoscenici, dare una spinta importante al turismo e all’economia cittadina.
Per chiudere voglio segnalare l’appuntamento del 12 novembre col ciclo “I lunedì del Torrino”, un interessante carrellata di incontri con libri a tema sportivo: protagonista della serata Gino Bartali. Assieme al sottoscritto saranno presenti il grande Alfredo Martini, il direttore generale dei mondiali di ciclismo Claudio Rossi e Andrea Bartali, autore del libro su suo padre. Sarà l’occasione per ricordarlo e per parlare dei Mondiali, del Giro d’Italia che fara' tappa a Firenze il 12 maggio e del grande sogno di ospitare la partenza del Tour de France 2014, centenario della nascita di Bartali. Vi aspetto.
Un caro saluto

Dario Nardella