Ufficio stampa - Palazzo Vecchio - P.za Signoria, 1 - 50122 Firenze - Tel. 055 27681 - Fax 055 276 8282 - Email: ufficiostampa@comune.fi.it

Scorciatoie - Navigazione del Documento

Scorciatoie - Funzionalità

Percorso: Home > Articoli per newsletters > Firenze, promozione e sviluppo > Promozione Economica > L'INAUGURAZIONE DEL PARCO URBANO DELL'INNOVAZIONE DEL COMUNE DI FIRENZE
testo piccolotesto mediotesto grandeStampa la pagina RSS Twitter Facebook

E’ stato il Vicesindaco Dario Nardella, alle ore 9:30 del 15 marzo 2012, a dare il via alla giornata dedicata all’inaugurazione del Parco Urbano dell’Innovazione del Comune di Firenze che si articola all’interno di alcuni spazi presso il complesso dell’ex carcere delle Murate, in una delle zone più vive del centro cittadino.

La Toscana, Firenze, l’irripetibile esperienza storica di queste terre con l’unicità del loro patrimonio culturale hanno condotto l’Amministrazione comunale a lavorare alla nascita di un polo cittadino catalizzatore di esperienze culturali sia come produzione in senso stretto, sia come ricerca e sviluppo di nuove tecnologie di supporto alle produzioni culturali, che divengono esse stesse espressione di cultura creativa.

Spiega il Vicesindaco: “Il Centro è dedicato a tutti gli operatori nel settore dei beni culturali per i quali sarà il luogo di elezione per raccogliere informazioni e aggiornarsi sulle novità presenti nel settore, il vivaio di nuove idee e la sede ottimale per la nascita e la crescita di nuove imprese, che qui potranno trovare sostegno al loro sviluppo attingendo contemporaneamente al patrimonio legato alle esperienze preesistenti e incontrando i soggetti già attivi dell’imprenditoria. Oltre a creare gli spazi idonei a favorire l’incontro e lo scambio tra gli operatori del settore e ad accogliere le imprese, il Servizio promozione Economica del Comune di Firenze ha indetto un bando di concorso per selezionare progetti d’impresa innovativi presentati sia da chi è già attivo nel settore delle nuove tecnologie per i beni culturali, sia da chi ha l’obiettivo di avviare una nuova attività in questo campo.

Ai vincitori del concorso sono destinati spazi già allestiti con funzione di ufficio e/o laboratorio e finanziamenti a fondo perduto e a tasso agevolato. Sei vincitori del bando tra imprese e start up d’impresa stanno facendo ingresso in questi giorni nel Parco Urbano.

Un modello di sostegno e promozione d’impresa è già stato sperimentato con successo dall’Amministrazione comunale con la creazione della struttura dell’Incubatore Tecnologico di Brozzi (
www.incubatorefirenze.org), anch’esso ideato e realizzato dal Comune di Firenze in collaborazione con l’Associazione per la Scuola Superiore di Tecnologie Industriali, dove nascenti imprese trovano ospitalità e/o usufruiscono, di servizi qualificati nella fase dello start up.
L’Associazione per la Scuola Superiore di Tecnologie Industriali cura lo start up e l’animazione del Parco Urbano dell’Innovazione svolgendo anche attività di “scouting imprenditoriale”, nell’ambito delle nuove tecnologie per i beni culturali e la contemporaneità.

Il nuovo progetto consente anche un’evoluzione sinergica delle attività svolte presso il Parco Urbano dell’innovazione, l’Incubatore Tecnologico di Brozzi e l’Incubatore Universitario di Sesto Fiorentino con la creazione di una rete policentrica operante a sostegno dell’imprenditoria attiva nel campo dell’innovazione tecnologica.

Nella logica dello sviluppo di un articolato sistema creativo che si alimenta attraverso lo scambio di idee sorte in differenti contesti professionali e di ricerca, il Parco ospiterà POLIS, il Polo di Innovazione della Sostenibilità Urbana, coordinato dal Prof. Marco Bellandi, il Laboratorio MICC, Media Integration and Communication Center, diretto dal Prof. Alberto Del Bimbo e la Fondazione Sistema Toscana, diretta da Paolo Chiappini che curerà lo sviluppo della rete di comunicazione del Parco Urbano”.

E’ seguito l’intervento di Stefano Masotti, Presidente del Distretto Tecnologico dei Beni Culturali e della Città Sostenibile il quale ha introdotto i temi del potenziamento dei distretti tecnologici in sintonia con il Programma nazionale della Ricerca 2011 – 2013, quali infrastrutture essenziali per la promozione della ricerca e lo sviluppo del sistema economico nazionale e del Piano di Sviluppo Regionale 2011 – 2015, che prevede la creazione di un distretto tecnologico per i beni culturali, diffuso su tutto il territorio regionale e pianifica e conferisce un ruolo strategico alla valorizzazione del patrimonio culturale toscano, quale strumento di promozione economica territoriale.

Sono seguito altri interventi di:
Marco Bellandi, Presidente di POLIS, Polo di Innovazione della Sostenibilità Urbana (uno dei dodici poli tecnologici toscani), che si occupa di energia sostenibile, materiali, robotica, mobilità (merci, rifiuti, flussi di persone, turismo e pendolari), aggregati e nuove imprese e che ha come obbiettivo principale la ricostruzione della filiera delle imprese produttive nel settore della nuove tecnologie;

Simone Tani, Responsabile del Servizio Promozione Economica del Comune di Firenze, che coordina le attività di avvio e sviluppo del Parco Urbano.

Successivamente, poi, sono state presentate le Aziende che per prime andranno ad occupare i nuovi uffici del Parco urbano:  

  • Centrica srl, che dal 1999 svolge attività di ricerca e nello sviluppo di immagini ad altissima risoluzione e che ha studiato un sistema di digitalizzazione delle opere della Galleria degli Uffizzi, fruibile anche attraverso un programma per tablet e smartphone (Prof. Marco Cappellini);
  • Mizar spa, del gruppo SWARCO, nata da uno spin of del Politecnico di Torino nel 1981, che sviluppa sistemi innovativi di trasporto del traffico e dei trasporti pubblici.
  • META srl, fondata nel 1996 da un gruppo di studenti dell’Ateneo di Pisa, che sviluppa produzioni WEB e multimediali per i beni culturali e l’editoria digitale (Paolo Ongaro);
  • Liberologico srl, fondata a Pisa 3 anni fa, che promuove il patrimonio culturale e turistico e studia nuovi sistemi di gestione della viabilità utilizzando tecnologie innovative (Paolo Lanari);
  • Nicola Torpei che, da ricercatore del MICC a imprenditore nel 2010 e interaction designer, inventa sistemi su misura per workshops e musei;
  • MHC, spin off della facoltà di architettura di Firenze, di Giovanni Ruffini, che sviluppa applicazioni web per la mappatura e la pianificazione paesaggistica dei luoghi di interesse turistico culturale;
  • DIA CON, altro spin off della facoltà di architettura di Firenze, che sviluppa sistemi innovativi per la diagnostica, la conservazione e il restauro dei grandi immobili e dei beni culturali.

     


Hanno fatto seguito, poi, gli interventi di: 
Alberto del Bimbo coordinatore del Laboratorio MICC, Media Integration and Communication Center di Firenze;
Paolo Chiappini, Direttore di Fondazione Sistema Toscana di Firenze;
Lorenzo Petretto, consigliere d’Amministrazione dell’Associazione per la Scuola Superiore per le Tecnologie Industriali di Firenze;
Andrea Di Benedetto, Presidente Nazionale CNA Giovani Imprenditori di Firenze;
Cristina Scaletti, Assessore Regionale alla Cultura e al Turismo della Regione Toscana.
 




A conclusione dei lavori, il Sindaco di Firenze, Matteo Renzi, ha consegnato le chiavi dei nuovi uffici ai vincitori del Bando di concorso
.



Guarda il video dell'inaugurazione al link: http://www.youtube.com/watch?v=gfMImlO1dnw&feature=relmfu 


Vai al sito delle Murate al link: http://www.lemurate.comune.fi.it/lemurate/